annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Filtrggio, cosigli per l'uso (e la pratica)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Filtrggio, cosigli per l'uso (e la pratica)

    ciao ragazzi, bene bene, comincio ad avere le idee chiare, tra neon, spot, diete, ecc ecc....non vi nascondo che ho paura di sbagliare qualcosa e di nuocere alle mie piccoline...spero di no!
    vabb a parte questo, volevo chiedervi consigli sul filtro. Ho ricavato all'interno della parte emersa uno spazio dove ho inseriti pompa e separata la lana di peltron (?). quindi ho un filtro meccanico. ora, visto che ho letto di inserire del carbone attivo (Chiuso in un sacchettino, di che materiale?) e i cilindretti di ceramica, mi sapreste dire come posizionarli? grazie e ciao
    iurisprudens1981

  • #2
    La lana si chiama di "vetro"!

    Nell'ordine (cio partendo da dove entra l'acqua a dove esce):
    1) Lana di vetro: abbastanza ed in pi strati. Quando pulisci prendi il primo strato (se occorre anche il secondo,ma significa che devi fare loe pulizie pi frequentemente) lo lavi bebe e poi lo metti per ultimo. Non deve essere toppo pressata,altrrimenti fa da tapo, ma non ci deve nemmeno essere libero passaggio d'acqua...
    2) Cannolicchi (i cilindretti di ceramica, ma sono pi efficaci quelli pimoderni di altri materiali), che devono essere completamente a bagno e non vanno mai toccati, ne puliti (il che significa che l'acqua, dopo essere passata attraverso la lana, dovrebbe essere abbastanza pulita... I cannolicchi sono il filtro biologico che tramite dei batteri che vi si annidano elimina l'urea,l'ammoniaca ecc trasformandola in nitriti che si eliminano con i cambi d'acqua.
    3) Carbone attivo. Il carbone attivo trattiene lo sporco pi fine ed alcune sostanze disciolte nell'acqua. La loro efficacia dura 10-15 giorni al massimo e poi rilasciano tutto ci che hanno adsorbito (si scrvie proprio adsorbire... un procedimento particolare...). Quindi dopo 10-15 giorni di utilizzo vanno buttati (non sono rigenerabili). Il loro uso negli acquari non continuo, anche perch eliminerebbe tutte le sostanze aggiunte come fertilizzante perle piante e vitamine per i pesci. In genere si usa solo dopo un avvelenamento o una malattia per eliminare i reisidui dei medicinali usati. Nel caso delle tarta c' chi li usa di continuo (con una notevole spesa), ma sicuramente non va usato quando vengono somministrate eventuali vitamine e medicine (ma solo dopo l'uso delle medicine). Io consiglio sia per gli acquaqriofili, che per i tartarugofili e chiunque allevi animali e/o piante acquatiche di tenerne sempre almeno una confezione a casa (tanto non scade finch non si usa) per eventuali emergenze ed usala solo in cado di effettivo bisogno.

    Ciao
    Robfrons

    P.S.
    I cannolicchi in genere si mettono in una retina (anche le calze vanno bene) in modo che l'acqua passi, ma che non si disperdano, questo per evitare di bestemmirare in tutti gli idiomi conosciuti quando, per qualuqnue motivo, si dpvessero tirare fuori dall'acquario/acquaterrario. Qualcuno li infila uno ad uno a m di collana sul filo da pesca, lasciandone poi un capo (naturalmente dall'altra parte c' un nodo... )a portata di mano.

    Commenta


    • #3
      mmmmmm....allora se ho ben capito, dopo la lana che deve essere la parte pi esterna, ci devono essere i canolicchi di ceramica racchiusi in una sacchettina (che calze intendi, o retina di che materiale?)e poi, quanti ne dovrei mettere? e devono occupare tutta l'altezza dell'isolotto a basta solo che ne stiano un p sul fondo? perch non devono mai essere toccati? che faccio quando pulisco tutto l'acquario e quindi ricambio totalmente l'acqua? cambio anche i cilindretti? possono essere spostati?
      grazie per l'aiuto,
      iurisprudens1981

      Commenta


      • #4
        Allora, studiati in ordine le seguenti pagine (sono tutte pegine di un sito di una ditta di prodotti... naturalmente nomina sempre i suoi prodotti! Ma spiega bene anche tutto il "ciclo organico" dell'acqua in acquario e come tenerlo sotto controllo. Tu considera che tutti i prodotti esistono anche di altre marche, che le tarta sporcano quanto molti pesci e che con le tarta non puoi mettere le piante... ):
        1) http://seraitalia.com/educational/gu.../pagina_11.htm
        2) http://seraitalia.com/educational/ap...azacquario.htm
        3) http://seraitalia.com/educational/gu.../pagina_8m.htm
        4) http://seraitalia.com/educational/ap...gio/filtro.htm
        5) http://seraitalia.com/educational/ap...o/material.htm
        6) http://seraitalia.com/service/listin...ra_siporax.htm

        Dopo che ti sei studiato bene tutto (interrogo! ) riusciamo aparlare meglio!

        Nel frattempo ti cerco anche altri siti (aani fa ne trovai uno fantastico di un privato... ma non ricordo l'indirizzo e non riesco a ritrovarlo... )

        Ciao
        Robfrons

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da Robfrons
          La lana si chiama di "vetro"!
          NOOO...si chiama lana di Perlon...la lana di vetro quella che si usa per fare la vetroresina e per coibentare.... quella che quando la tocchi ti fa pizzicare da tutte le parti...
          ... una semplice precisazione, niente di veniale

          Commenta


          • #6
            tra l'altro la lana di vetro un materiale edile vietato da diversi anni perch considerato pericoloso (non la pari dell'amianto ma per motivi affini)

            Commenta


            • #7
              La lana di vetro e' quella che si mette anche nelle marmitte dei motorini...

              Commenta


              Sto operando...
              X