annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

letargo...ma è davvero necessario?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • letargo...ma è davvero necessario?

    Ciao raga da quattro anni ho quattro tarta (sembra una barzelletta ma non è così) e non sono mai andate in letargo perchè stanno nell'acquario in casa e anche volendo metterle fuori a Catania spesso la temperatura si mantiene sopra i dieci gradi (in inverno). ora, ho pensato.... il letargo cos'è se non un "metodo" che le tarta durante l'evoluzione hanno adottato per sopravviviere all'inverno (essendo a sangue freddo). chi si trova in queste calde acque risponda!???? ciao

  • #2
    pur non trovandomi in quelle calde acque mi permetto di attiarare la tua attenzione su un dettaglio, peraltro solo il primo che mi viene in mente, che credo ti possa dare l'idea di come la tua "interpretazione" del letargo quale manovra adattiva a livello biologico per sopravvivere ai rigori dell'inverno sia un poco "riduttiva" o quanto meno limitata a solo uno dei dettagli che questo fenomeno implica... Ai fini riproduttivi, saprai ad esempio, come il complesso meccanismo della riproduzione non può di fatto avere luogo se l'animale non va incontro ad un fisiologico periodo di "pausa" stagionale nel quale i processi metabolici necessari alla fertilità degli esemplari non sono altrimenti "sostituibili" da altra pratica. Si possono fare letarghi controllati, ridotti nel tempo a poche settimane, ma non sostituire appunto un letargo con altra metodica. Ci sarebbero inoltre molte considerazioni da fare poi sulla salute degli animali(basta vedere la crescita armonica di un esemplare che non ha mai saltato un letargo rispetto ad altri che invece non hanno avuto tale chance), ma la cosa si dilungherebbe credo eccessivamente.

    Commenta


    • #3
      Come non quotare getcoiled? La tua interpretazione si può rissumere così riportandola in ambito umano: se si dorme solo perché fa buio, illuminiamo tutto a giorno e rimaniamo svegli 24 ore su 24!
      Il fatto che si riesca a far saltare il letargo alle tartarughe tenendole al caldo non vuol dire che questo sia sano per loro, ma non voglio dilungarmi oltre neppure io, penso che con la funzione cerca troverai (se non hai già trovato) risposte esaurienti

      Commenta


      • #4
        bè a dirvela tutta me le aspettavo le vostre risposte tra l'altro ovviamente giuste. solo che la mia più che una teoria diciamo è un "alibi" visto che so di non poter far fare loro il letargo in modo giusto. vi faccio un esempio. alla mia ragazza avevo regalato una pseud nelsoni (bellissima) morale? è venuto l'inverno ma la tarta è entrata nel cosidetto finto letargo. non mangiava ed era piuttosto addormentata ma comunque sveglia. abbiamo provato dopo tempo col riscaldatore macchè troppo tardi. la tarta è morta anche perchè era piccola ancora. da qui la mia scelta forzata. fuori non le metto manco morto! ciao!

        Commenta


        • #5
          fa come i californiani... celle frigorifere. Innaturale certo, ma piuttosto che far soffrire ben più contro-natura gli animali, a mali estremi...

          Commenta


          • #6
            ma lo dici sul serio??? te l'immagini mia mamma che apre lo scomparto verdura del frigo e ci trova la tarta che dorme! e poi con quale coraggio si può preneder una tarta e metterla in un frigo...dai ste st.... le possono fare solo gli americani!

            Commenta


            • #7
              cerca nel forum "frigorifero"...il consiglio di Get è molto azzeccato, sopratutto quando l'inverno non è come si vorrebbe

              quindi non si tratta di st.... degli americani, ma di una soluzione molto utile, messa in atto da molti allevatori europei.
              Prima di giudicare...usare la funzione cercare

              Commenta


              • #8
                malaclem di certo non volevo offendere nessuno men che meno Getcoiled di cui apprezzo i consigli però mettere le tarte nella cella frigorifera mi pare quantomeno un metodo macabro....cmq vado su cerca e vi faccio sapere

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da salvo82 Visualizza il messaggio
                  alla mia ragazza avevo regalato una pseud nelsoni (bellissima) morale? è venuto l'inverno ma la tarta è entrata nel cosidetto finto letargo. non mangiava ed era piuttosto addormentata ma comunque sveglia. abbiamo provato dopo tempo col riscaldatore macchè troppo tardi. la tarta è morta anche perchè era piccola ancora. da qui la mia scelta forzata. fuori non le metto manco morto! ciao!
                  Non ha forse sentito troppo lo sbalzo di temperatura ?
                  Ma anche da piccole devono fare il letargo (o la brumazione) in cattività ? A me hanno detto dopo due o tre anni

                  Commenta


                  • #10
                    una coppia di T.h.h. di ceppo "pugliese" l'anno scorso mi ha fatto un letargo in giardino (da ottobre a fine marzo) a soltanto 2 mesi di vita. Non sono invece rari i casi in cui cuccioli di 4 anni d'età muoiano al loro primo letargo.

                    Commenta


                    • #11
                      salvo non stavo dicendo che offendevi nessuno, figurati
                      (pensavo che dalle faccine si fosse capito il tono).

                      concordo nuovamente con Get, se si può, sarebbe meglio far fare il letargo già dal primo anno..onde evitare brutte sorprese poi. io almeno ho sempre fatto fare così..

                      Commenta


                      Sto operando...
                      X