annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

letargo controllato horsfieldi

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • letargo controllato horsfieldi

    Ciao ragazzi! sono nuova e vorrei avere dei validi consigli su come far fare il letargo controllato alla mia Uga... è il primo che le faccio fare e sono inesperta
    E' un anno che ce l'ho e avrà 5/6 anni con un carpace di circa 12cm. io avevo intenzione di farglielo fare in un terrario di 80x50 di plastica già coperto con una griglia, come substrato della semplice torba non concimata e del fieno sopra, il tutto messo in uno o due scatole di cartone e coperto con un telo oscurante e messo in terrazza... cosa dite? può andare bene?
    ma soprattutto...quando la devo mandare in letargo??? in modo graduale o così di punto in bianco? calcolando che ora è in casa con lampade riscaldanti e tutto quanto...
    beh, tutti i consigli sono ben accetti, vi aspetto!!!

  • #2
    Se ora e' in casa con le lampade e tutto, beh, hai precluso la possibilit'a di fare il letargo!
    L'entrata in letargo e' un processo lento e graduale, comincia con l'abbassamento delle temperature, le tartarughe smettono poco per volta di alimentarsi e dedicano le poche ore di attivita' sopratutto a riscaldarsi.
    In questo modo si svuota il tubo digerente e poco per volta arriva il letargo vero e proprio, con le tartarughe che si interrano oppure si rintanano sotto cumuli di foglie o in altri luoghi riparati.
    L'intero processo di entrata in letargo puo' durare anche uno o due mesi.
    Da questo capirai che se le tartarughe sono mantenute all'esterno, il tutto si svolge in modo piu o meno naturale.
    Ormai credo sia troppo tardi, avresti dovuto pensarci quest'estate non adesso che siamo a Ottobre, sopratutto per le horsfieldii che sentono l'inverno con molto anticipo e trascorrono in latenza almeno 4 mesi.
    NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

    Commenta


    • #3
      Ma allora tutte le tartarughe che vivono in un terrario in casa non vanno mai in letargo???
      non penso...
      potrei pian piano diminuire le ore di riscaldamento delle lampade fino a togliergliele del tutto...

      Commenta


      • #4
        Perche le tartarughe vadano in letargo veramente servono temperature non superiori a 6-8 gradi.
        Non penso che in casa nessuno abbia queste temperature...
        Le horsfieldii tra l'altro sono originarie delle steppe delle repubbliche del est, se non vado errato sono le terrestri che vivono nelle zone piu' fredde.
        Dove vvono loro le temperature invernali raggiungono i -30 e oltre...

        Quindi...
        Originariamente inviato da vero Visualizza il messaggio
        Ma allora tutte le tartarughe che vivono in un terrario in casa non vanno mai in letargo???
        non penso...
        invece e' proprio cosi.
        In casa non entrano in letargo, ma solo in uno stato di torpore che le porta ad essere inappetenti ma comunque sufficientemente attive da consumare poco a poco le proprie energie.
        Ultima modifica di Luca-VE; 07-10-2008, 21:34.
        NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

        Commenta


        • #5
          Infatti io la sto tenendo in una stanza della casa che non uso quindi senza riscaldamento e tuttora in questa stanza ci sono circa 15 gradi, con l'inverno ce ne saranno sempre meno fino ad arrivare a 8/10 gradi. Lei è li con solo le lampade accese dalle 8 della mattina alle 8 della sera...se io pian piano diminuisco le ore di accensione delle lampade non va bene???
          Comunque ho contattato anche il mio veterinario specializzato in tartarughe che la settimana prossima verrà a visitarla, quindi sentirò anche al suo parere! L'anno scorso non l'ho mandata in letargo perchè l'allevatore dove l'ho comprata me lo aveva sconsigliato in quanto l'ho presa i primi di ottobre.

          Commenta


          • #6
            Il problema con A. horsfieldi è la scarsa tolleranza all'umidità ambientale, quindi già di per sè ti sconsiglierei di farla ibernare in terrazza. Perchè tu sei a Sondrio, e, se pure la scatola è riparata dalla pioggia, l'umidità dopo una settimana novembrina piovosa, si alza sensibilimente. In più, come ho già detto, il letargo in terrazza è una pratica pericolosa, perchè la capacità termica (in parole povere, il tempo che ci mette a raffreddarsi o a riscaldarsi l'INTERNO della scatola) di una scatola coibentata messa su una terrazza è di gran lunga inferiore a quella di una tartaruga in giardino, seppellita sotto 30cm di terriccio e pacciame. Il che vuol dire che in una giornata ventosa e gelida (e credo che a Sondrio non manchino...) la scatola si raffredda in modo critico. Se il sole ci batte sopra, in una mattina limpida, per contro, la scatola si surriscalda, salvo poi precipitare, appena il sole gira dietro alla casa...ho reso l'idea? Quel che ti voleva dire Luca, era che la preparazione al letargo e l'acclimatazione alle temperature esterne andava fatta da settembre, quel che aggiungo io è che se vuoi mandare Uga in letargo è meglio se trovi una cantina...

            Simone

            Commenta


            • #7
              Ok ma mi puoi gentilmente spiegare il processo per farla andare in letargo? ...non penso che la debba mettere in cantina così di punto in bianco...ci sarà un processo graduale penso... tipo come dicevo io di diminuirgli gradualmente le ore delle lampade accese fino a togliergliele del tutto?! Poi come ho già detto, la settimana prossima verrà il veterinario a farle una visita e chiederò informazioni anche a lui, ma volevo sentire pareri diversi.
              Grazie.

              Commenta


              • #8
                Dunque, la prima cosa da fare è smettere completamente di nutrirla, continuando però a farla bere. Per almeno due settimane. Deve avere il tempo di processare tutto il cibo che ha nell'intestino e defecare. Poi puoi cominciare gradualmente ad abbassare la temperatura del terrario, diminuendo nel contempo anche le ore di luce, fino ad arrivare ad una temperatura di poco superiore a quella della cantina, non avere fretta, tra le due settimane di sospensione del cibo e il resto ci puoi mettere anche un mese e mezzo...
                Simone

                Commenta


                • #9
                  ok, grazie mille!!!

                  Commenta


                  • #10
                    Luca e Simon hanno già detto tutto per il letargo, ma io vorrei invece capire una cosa: tu tieni una horsfieldii fissa in terrario?
                    Non hai uno spazio esterno dove sistemarla? Sarebbe decisamente meglio

                    Commenta


                    • #11
                      Quando l'ho presa l'anno scorso l'avevo ma poi a maggio mi sono dovuta trasferire, quindi l'ho dovuta tenere nel terrario, anche sul terrazzo quest'estate, ma sempre nel terrario... dalla prossima primavera invece riavrà a disposizione uno spazio esterno tutto per lei!!!

                      Commenta


                      • #12
                        ciao ragazzi scusate se mi intrometto nella discussione ma visto che anche io ho due horsfieldi volevo avere qualche info sul loro letargo
                        io ho una coppia un maschio di 5 anni che gia è abituato al letargo esterno fuori al mio balcone coperto in un terrario aperto con terra e foglie secche per diminuire l umidita, leggevo che era consigliato non nutrire le tarta almeno un mese prima del freddo quindi gia ora dovrei nn dare piu da mangiare ??
                        secondo punto la femmina l' ho acquistata una settimana fa e ha piu o meno le stesse dimensioni del maschio non so però se fino ad ora ha fatto o meno il letargo cosa dovrei fare, farle fare lo stesso il letargo?, è rischioso o mi conviene aspettare almeno un anno ?
                        grazie mille

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da bolerio83 Visualizza il messaggio
                          ciao ragazzi scusate se mi intrometto nella discussione ma visto che anche io ho due horsfieldi volevo avere qualche info sul loro letargo
                          io ho una coppia un maschio di 5 anni che gia è abituato al letargo esterno fuori al mio balcone coperto in un terrario aperto con terra e foglie secche per diminuire l umidita, leggevo che era consigliato non nutrire le tarta almeno un mese prima del freddo quindi gia ora dovrei nn dare piu da mangiare ??
                          secondo punto la femmina l' ho acquistata una settimana fa e ha piu o meno le stesse dimensioni del maschio non so però se fino ad ora ha fatto o meno il letargo cosa dovrei fare, farle fare lo stesso il letargo?, è rischioso o mi conviene aspettare almeno un anno ?
                          grazie mille

                          io non lo so se è il caso di far fare il letargo alla femmina....uno perchè non sai i mesi precedenti chi l'ha tenuta come l'ha alimentata e quindi non si sa nemmeno se ha un peso ideale che le permette di fare un letargo sicuro....inoltre secondo me lei doveva essere messa in quarantena prima di metterla nel terrario con il maschio perchè se lei ha qualche malattia potrebbe trasmetterla anche al maschio....secondo come periodo per aquistare tartarughe è un po rischioso io l'avrei comprata nel mese estivo in modo tale da poterla alimentare per tutta l'estate....farla abituare al clima esterno e prepararla gradualmente al letargo....

                          Commenta


                          • #14
                            Le perplessita' di Dario sono giustificate, e' un po' un azzardo senza sapere nulla dell'animale.
                            Presumendo cheli non sia ancora freddo e si possa sfruttare ancora qualche giorno per l'acclimatazione, compresa la preparazione al letargo, si potrebbe tentare.
                            Ma rimane il fattore di rischio...
                            NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da Luca-VE Visualizza il messaggio
                              Le perplessita' di Dario sono giustificate, e' un po' un azzardo senza sapere nulla dell'animale.
                              Presumendo cheli non sia ancora freddo e si possa sfruttare ancora qualche giorno per l'acclimatazione, compresa la preparazione al letargo, si potrebbe tentare.
                              Ma rimane il fattore di rischio...

                              qui a napoli è ormai da un paio di giorni che si è abbassata la temperatura...la mia horsfieldi esce un paio d'ore nel momento della giornata in cui il sole è piu caldo e poi si rintana...ormai non mangia piu da un paio di settimane....volendo potrebbe provare ad acclimatarla per poi mandarla in letargo...io aggiungerei anche una visita dal veterinario esperto

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X