annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Tartarughe d'acqua

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Tartarughe d'acqua

    Buongiorno a tutti,
    causa moria di pesci ho a disposizione un acquario (vuoto) da 220 litri, con flitro interno (incollato) e delle seguenti misure: 110x40x55(h) cm. Pensavo di creare una zona secca portando il livello dell'acqua a 30 cm e costruire in un'area una zona secca con delle rocce accatastate ed una magiroe altezza del fondo; inoltre vorrei mettere nella zona umida delle piante acquatiche Echinodorus sp. ed un fitto strato di fondo di muschio di Giava, con alcuni tronchi che sporgono dall'acqua anche qui.
    Le mie domanda sono:
    1) premesso che ho una scorta di cibo congelato pressoché illimitata (petto di tacchino, gamberetti, cozze e chironomus congelati), e non posso fare un laghetto, cosa mi consigliate?
    2) come posso fare con il filtro interno? Il problema è che non posso toglierlo perchè è siliconato... lo posso riutilizzare?
    3)posso mantenere quelle piante?

  • #2
    Ciao Nemesi,

    per rispondere alle tue domande, dovrai prima vedere a quale genere di tarte acquatiche vorresti allevare (ce ne sono parecchie specie e generi!), potresti dare un'occhiata al genere Kinosternidae (ma sono di parte!).

    Per l'arredo... Troppo elaborato con le tarte... Potrebbero ridurti come niente e farne del compost.

    Meglio con un semplice arredo tipo legni di mangrovia, una parte asciutta, piante finte e basta, il resto è OFF.
    La pulizia sarà più semplice...

    Ora rispondo alle tue domande:

    1)-Come alimento non mi sembra un gran che... Tacchino, gamberetti e cozze una tantum, chironomus sarà buono solo con i baby e non come alimento base.
    Se vedi i Sticky Threads, trovi parecchie informazioni utili.

    2)-Con una vasca così, il filtro interno è totalmente inutile, si può togliere tagliando via il silicone con un cutter, guadagni spazio ed estetica.
    E ci vuole un filtro esterno sovradimensionato e che abbia una capacità doppia o tripla della vasca (le tarte mangiano e ca**** tanto!).

    3)-Se usi delle piante finte, ti durerano un'eternità, se usi quelle vere, no.

    Commenta


    • #3
      Quindi non posso mantenere delle piante?
      A me piacciono tanto le tartarughe a collo di serpente...ma dopo queste premesse mi sa che lascerò perdere...

      Commenta


      • #4
        Dipende dalla specie e dalle dimensioni.

        Con i Kinosternidae, il danno è minimo, se hanno spazio dove muoversi.

        Con i Chelodina che sono vivaci e "aggraziati", non durerano tanto.

        Commenta


        • #5
          Uhm, non potrei usare il filtro interno per fare un effetto "a cascata"sulle rocce, magari potenziando ulteriormente la pompa (è da 900 l/h) e, forando uno dei due compartimenti interni, piazzare della lana filtrante nel primo scomparto e nel secondo solo materiale per il filtraggio biologico? Poi casomai potrei interrare la Echinodorus, in modo tale che abbia le radici sott'acqua e le foglie fuori (come in natura), magari proteggendola con delle radici?
          Quindi dici che i Kinosternidae (di cui fra l'altro sono già il proprietario di una Sternothrus minor minor ) sarebbero appropriati anche per questa vasca? Esistono specie "strane" anche in questo genere? Potrei mantenere solo queste tartarughe nel mio acquario?Ah, fra l'altro una volta ho visto una Mata mata: che mi sai dire ricordo a questa tartaruga?

          Commenta


          • #6
            Per farla breve...

            Teoricamente l'effetto del filtro che fa cascata sarà bello ma che non ti durerà tanto...

            Perderesti pazienza già solo dopo una notte, con l'acqua che farà un "gradevole" suono...
            Poi messo così, sarà abbastanza complicato pulirlo, poi vedi tu, è importante provarci per vedere se sarà un'ottima idea oppure no...

            Per la pianta, non sarebbe male come tentativo, dato che hai una Sternotherus, molto acquatica, non dovrebbe danneggiare la parte emersa.

            Per la Mata mata, si alleva meglio in una vasca spoglia, con qualche legno e piante galleggianti e solo alimentato con pesce vivo o morto, un pinkie ogni tanto, se adulto.

            Commenta


            • #7
              QUoto Guscioduro, ha perfettamente ragione.
              date e dimesnsioni della tua vasca, e la tua idea di allestimento, meglio i kinosternidi.
              Aggiungo una cosa, le cascatelle ecc piacciono a noi, ma poco alle tartarughe.
              Mi spiego, quando vanno nella zona asciutta, questa deve essere asciutta davvero, non coperta da flutti o spruzzi vari, altrimenti non possono asciugarsi e via dicendo.
              Per la mata mata, dovresti tenere l'acqua bassa finche e' baby, (profonda tipo 10-15 cm) quando invece sara' cresciuta, i 4 cm di larghezza dela tua vasca saranno insufficienti.
              Oltre al fatto che non ama molto vasche arredate....
              NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da guscioduro Visualizza il messaggio
                Per farla breve...

                Teoricamente l'effetto del filtro che fa cascata sarà bello ma che non ti durerà tanto...

                Perderesti pazienza già solo dopo una notte, con l'acqua che farà un "gradevole" suono...
                Poi messo così, sarà abbastanza complicato pulirlo, poi vedi tu, è importante provarci per vedere se sarà un'ottima idea oppure no...
                L'acquario non è realmente in casa, ma in un locale separato e pertanto il rumore non è un problema. Inoltre ho intenzione di posizionare la cascatella in maniera tale che ci sia una specie di ruscelletto giù dalla rocciata fino in vasca, ma con pochi spruzzi. La Echinodorus e le Microsorum pensavo di metterle nelle "polle" artificiali o ai pidi della cascatella. per quanto riguarda l'efficienza del filtro ho provato una soluzione: fare dei buchi nella parete e montare una pompa più potente (1100 l/h).
                La Sternotherus in questo momento si trova nel mio 576 litri, in cmpagnia di altri pesci-tranquilli, lei non è "commestibile" per loro, e loro sono troppo grandi per lei (ci sono dei polypterus ed uno Scleropages ); più che altro m'interesseva qualcosa di simile ma diverso (la Mata mata, infatti, mi piaceva perché oltre che ad essere strattamente acquatica è molto bella. ). Cosa mi suggerite dunque?

                Commenta


                • #9
                  Beh. ti consigliamo allo stesso modo che abbiamo fatto finora...
                  NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

                  Commenta


                  • #10
                    Scsa, non volevo offendere ; il problema è che ci sono tantissimi Kinosternidi, e non so qale prendere...fra l'altro, ora che ci penso, non è male la Tryonix: potrei orovare ad allevarne una coppia in quel setting (o uno solo), magari alzando il livello dell'acqua?

                    Commenta


                    • #11
                      Credo che per Tryonix tu intenda tutte le varie "gusciomolle"...anche in questo caso temo di no, essendo specie che si infossano in substrati di sabbia finissima, inoltre anche loro crescono non poco...
                      Con i Kinosternidi, invece praticamente tutti potrebbero andare.
                      Sia tutte le specie di Sternotherus, sia molte di Kinosternon, dipende solo da qualivalori/temperature intendi avere nella vasca.
                      NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

                      Commenta


                      • #12
                        Ok, per valori dell'acqua e temperatura non è un problema (nasco come acquariofilo );
                        la disponibilità di specie che ho al momento è questa:
                        Trachemys (scripta scripta,scripta trooisti),Chelodina sienbrocki,Graptemys pseudogeographica, Pseudemys concinna, P. floridana, P.nelsoni,P.rubriventris, Sternotherus minor, S. carinatus, S. odoratus, Pelodiscus sinensis, Pseudemys concinna e Rhynoclemmys pulcherrima
                        Quali sarebbero, secondo te, le specie (o la specie) più appropriata per il mio acquario esterno (eccetto, ovviamente, le Sternotherus, peraltro assai carine ) e per il suo setting?

                        Commenta


                        • #13
                          Purtroppo solo le Sternotherus, o al massimo le Graptemys.
                          Tutte le altre,per dimensoni, irruenza, abitudini, sono da scartare.
                          NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

                          Commenta


                          • #14
                            Perfetto, grazie al limite è possibile la convivenza Graptemys-Sternotherus? Quante tartarughe posso al massimo ospitare? Ho bisogno di un faretto UVB? Se si, quanto costa e quanto dura? Tieni presente che la vasca è, come minimo, illuminata un paio di ore al giorno dalla luce del sole...

                            Commenta


                            • #15
                              ...erano domande troppo sconvolgenti?

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X