annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

letargo condizione indispensabile?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • letargo condizione indispensabile?

    ciao a tutti, l'altra volta pensavo al fatto se il letargo fosse o meno così indispensabile per le tarte, mispiego. in natura questi animali vivono quasi sempre in condizioni non ottimali (vento, freddo, poco cibo ecc.) quindi è chiaro che in inverno il problema diventi ben più grave. io credo che il letargo non sia una condizione naturale (come l'istinto per cibarsi o riprodursi) ma una reazione alla realtà difficile che le tarte devono affrontare (essendo animali a sangue freddo) in inverno. credo in altre parole che l'evoluzione le abbia portato a questa drastica soluzione! in condizioni ottimali (quali quelle di casa) il letargo diventa ancora così importante? credo di no perchè alla base non ci sarebbe più motivo! comunque attendo risposta, visto che questa resta una mia opinione! ciao!

  • #2
    è vero...
    mà perchè ci dici ciò???

    Commenta


    • #3
      Per quanto riguarda il letargo, è vero che l'evoluzione le ha portate ad utilizzare questa strategia per sopravvivere...ma è anche vero che le tarte non sono nate per vivere "nell'agiatezza" di un acquario termoriscaldato e con il cibo pronto senza nenache dover fare un passo.......
      Motivo per il quale le tartarughe "selvaggie", raggiunte una certa età, sono praticamente indistruttibili, mentre le tarte in cattività sono sempre un pochino più "delicatuccie"......
      Diciamo che la "natura" le aveva fatte sviluppare in un certo modo per sopravvivere in un certo ambiente (vedi anche la lotta per la sopravvivenza e il progressivo "potenziamento" dei loro geni) e "noi", che le teniamo nella bambagia, non facciamo altro che iniziare a modificare le loro caratteristiche per farle vivere in un acquario..........tra qualche decina di anni, facendo vivere e riprodurre le tarte in cattività, le renderemo meno adatte per vivere all'aria in natura......
      =)
      A parte le consideraiozni evolutive, far fare il letargo alle tarte "domestiche" è necessario se le vuoi far riprodurre in cattività......
      ciao.

      gigi

      Commenta


      • #4
        ciao gigi se il problema è la riproduzione bè...è una questione personale viste le attenzione che necessitano questi animali per riprodursi in cattività. comunque per la storia dell'evoluzione "nel lusso più sfrenato" mi trovi d'accordo! rendiamo gli animali sempre più simili a noi tanto da fargli fra un pò anche la loro bella parabola per sky! ma siamo fatti così e per il bene loro faremmo anche questo! ciao!

        Commenta


        • #5
          io credo che il letargo non sia una condizione naturale
          il letargo è importantissimo, perchè costituisce una parte importante della vita di una tarta, e se non è fatto (non a tutte le tarte è necessario ) l'animale può andare sotto stress..

          Commenta


          • #6
            ok zorbox, ma allora bisognerebbe sapere quale tarta può non andarci. io ho una trac scripta una grap. kohni e una che sinceramente non so. ha la parte inferiore molto simile alla kohni e il carapace simile a una trac per il colore ma diverso nel disegno. spero di farti vedere una foto perchè anche cercandola non sono riuscito a classificarla! ciao!

            Commenta


            • #7
              Alcune tartarughe possono fare letargo, altre no... dipende dalla specie e dalla zona di provenienza.
              Le mie Trachemys, ormai adulte, rimangono fuori tutto l'inverno. Chiaramente io lascio fuori solo le trachemys, perchè so che possono sopportare l'abbassamento della temperatura. in pratica la maggior parte delle tartarughe del nord america (inteso come nord degli stati uniti, non continente) possono stare all'aperto tutto l'anno... chiaramente dipende anche dalle zone... a Catania staranno benissimo, un po' meno a Belluno... o Aosta.


              mimmi

              Commenta


              • #8
                le tarte che non fanno il letargo (parlo per le terrestri) sono tutte le esotiche o quasi

                Commenta


                • #9
                  c'è da aggiungere un paio di fattori che riguardano il letargo:
                  sia nei rettili che negli anfibi, sia il ciclo vitale che riproduttivo sono legati all' andamento stagionale; la maturazione delle gonadi richiede un notevole abbassamento delle funzioni vitali (nel caso del letargo, ibernazione o brumazione) o solo di minime variazioni ambientali (questo vale per animali tropicali legati a stagioni delle piogge, ecc); l' evoluzione di questi animali ha imparato a leggere queste variazioni ambientali legandole alle varie funzioni ormonali e quindi al ciclo sia riproduttivo che biologico ...
                  ...la mancanza di questi fattori porta ad avere animali che non si riproducono (sterili), o non si accoppiano (mancano le secrezioni odorose che attirano i due sessi) o comunque hanno vita breve (mancanza del ciclo di accumulo di risorse e smaltimento delle stesse; e minore resistenza alle patologie)...
                  ...vabbè che noi appassionati cerchiamo di dare sempre il meglio ai nostri animali, ma non cerchiamo di cambiare dei fattori che sono intrinsechi nella biologia evolutiva; questo è solo egoismo e scarsa conoscenza della biologia animale...

                  Commenta


                  • #10
                    le tarte che non fanno il letargo (parlo per le terrestri) sono tutte le esotiche o quasi
                    Zorbox, non vorrei contraddirti... ma dipende cosa intendi per "esotiche"!!!!!
                    Non è detto che qualsiasi tartaruga extra europea non faccia letargo!
                    fanno letargo alcune tartarughe addirittura in Sud Africa!!! Anche a Capetown arriva l'inverno!!
                    Dipende tutto dagli areali d'origine. Fanno letargo alcune specie del genere Cuora, alcune Terrapene, fanno letargo alcune Agrionemys, Chelydra, Pseudemys, Chinemys, Actinemys... ecc.. ecc...
                    anche le trachemys fanno letargo! magari fa letargo la trachemys scripta, diffuse negli USA quasi fino al
                    Canada del sud (dove gli inverni sono particolarmente rigidi) ma non fa letargo le trachemys decussata (originaria di Cuba, quindi luogo caldo)

                    Son stata chiara??

                    Commenta


                    • #11
                      io mando sempre tutte le mie hermanni in letargo, certo le piccoline che fanno il primo letargo sono piu' a rischio, forse non tutte ce la faranno... ma io la voglio vedere come una cosa naturale.... odio i terrari e mai mettero' una mia tarta in una gabbia simile, molti non la penseranno così, ma io si.... il letargo è una componente della vita di una tartaruga, è previsto e va assolutamente fatto proprio per questo io e abituo gia' da piccole a farlo....

                      Commenta


                      Sto operando...
                      X