annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

la storia di Orione

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • la storia di Orione

    Orione è una trachemys scripta elegans che un mio amico il 31 ottobre ha trovato su una strada in campagna (rischiando di schiacciarla con la sua Jeep): me l'ha portata ed ho deciso di tenerla.
    Di tartarughe non sapevo niente e mi sono documentato su internet, anche leggendo questo forum.
    Orione dovrebbe essere un maschio perchè ha le unghie anteriori molto sviluppate e anche la coda è lunga.
    Il carapace è notevole per un maschio: quasi 18 cm. Ovviamente non so l'età, ma immagino sia vecchietto.

    Ho commissionato un acquaterrario 80x50x h 45, che è quello che posso permettermi per spazio (e anche pecunia...), ma sarà pronto intorno al 6-7 dicembre (spero) perchè ho dovuto farmi fare anche il mobile.

    Nel frattempo Orione è in un terrazzo all'aperto ma coperto: la notte la passa in un rifugio ricavato da una scatola di cartone, mentre in tarda mattinata spontaneamente si va ad immergere in una vasca provvisoria in plastica (60x45x h 16) utilizzando una rampa costituita da una pedana in legno per docce.

    I primi giorni ha perlustrato tutto il terrazzo, adesso è in letargo suppongo, perchè riposa tutto il tempo (fuori o dentro l'acqua) e da quando ce l'ho (31 ottobre) non ha toccato cibo di nessun genere.

    La temperatura del suo attuale habitat oscilla tra i 3 e i 12 gradi.

    Quando mi arriverà la tartarughiera immagino che non potrò di colpo fargli fare un salto termico dai 3-12° a cui è abituato, ai 25° di un'acqua riscaldata... tenendo conto che comunque nel terrazzo tra non pochi giorni la temperatura comincerà a scendere a valori proibitivi e dovrò quindi per forza portarlo in casa (che mi sia arrivata la tartarughiera o no), cosa mi suggerite?




  • #2
    Intanto confermo che è un bel maschione!

    A vederlo in foto, e dalla tua descrizione del comportamento, sembra in forma, però... non sai cosa ha passato prima! Da quanto tempo era stato abbandonato,come veniva nutrito e cosa (e se ) ha mangiato dopo l'abbandono, ecc....

    Non vorrei scoraggiarti, ma... l'acquaterrario che hai commissionato non è che sia poi molto grande...

    COmuqnue per questo inverno puoi provare 2 alternative:
    1) Fargli fare un letargo controllato (ossia in cantina/garage/soffitta... insomma in un locale dove la temperatura sia costane tra i 5 ed i 9°C)
    2) Tenerlo al caldo. In questo caso, quando lo metti nell'acquaterrario, alza la temperatura di 1-2 gradi al giorno fino < potarlo alla temperatura ottimale di 25-27 gradi dell'acqua di giorno (la notte anche 2-3 gradi in meno). Mi raccomando l'uso di UVB ed alimentazione adeguata. Negli altri topic di questa sezione trovi molte ed esaurienti info su questi ultimi 2 punti!

    Poi, se ti è possible, pensa a fargli trovare da primavera un bel laghetto! Così potrai lasciarcelo anche per i prossimi inverni!

    Ciao
    Robfrons

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da Robfrons
      Intanto confermo che è un bel maschione!

      A vederlo in foto, e dalla tua descrizione del comportamento, sembra in forma, però... non sai cosa ha passato prima! Da quanto tempo era stato abbandonato,come veniva nutrito e cosa (e se ) ha mangiato dopo l'abbandono, ecc....

      Non vorrei scoraggiarti, ma... l'acquaterrario che hai commissionato non è che sia poi molto grande...

      COmuqnue per questo inverno puoi provare 2 alternative:
      1) Fargli fare un letargo controllato (ossia in cantina/garage/soffitta... insomma in un locale dove la temperatura sia costane tra i 5 ed i 9°C)
      2) Tenerlo al caldo. In questo caso, quando lo metti nell'acquaterrario, alza la temperatura di 1-2 gradi al giorno fino < potarlo alla temperatura ottimale di 25-27 gradi dell'acqua di giorno (la notte anche 2-3 gradi in meno). Mi raccomando l'uso di UVB ed alimentazione adeguata. Negli altri topic di questa sezione trovi molte ed esaurienti info su questi ultimi 2 punti!

      Poi, se ti è possible, pensa a fargli trovare da primavera un bel laghetto! Così potrai lasciarcelo anche per i prossimi inverni!
      in effetti non so niente del suo passato... so solo che stava sulla carreggiata di una strada trafficata

      so anche che l'acquaterrario 80x50x45 non è il massimo, ma al momento sempre meglio che la strada

      grazie dei preziosi consigli!

      Commenta


      • #4
        si, il massimo è un laghetto di fuori, mi raccomando recintato con quella plastica liscia e ondulata di almeno un metro di altezza (5o cm sotto e 50 sopra). l'acqua deve avere un'altezza minima di 80cm, se non gela...


        igua

        Commenta


        • #5
          Quoto il punto 2 di Robfrons.
          Per il recinto basta una rete ripiegata verso il laghetto.Penso sia piu' economica e gestibile nel montaggio.
          L'animale sembra in ottima forma. Fortunato a trovare un maschio,sono piu' rari.
          Mettilo subito dentro perche' 3 gradi di minima sono gia' veramente pochi,pochissimi in assenza di letargo !

          Marzio

          Commenta


          • #6
            bhe, le mie tarta con la rete ripiegata verso il laghetto sono scappate 2 o 3 volte in giardino. e non so quante volte sono ricadute in malo modo da un'altezza considerevole! sono ottime arrampicatrici, da non credere! l'unica soluzione una superficie liscia e non trasparente. se le tarta vedono al dilà della rete, cercheranno di fare di tutto per passare dall'altra parte. se non vedono che c'è un "al dilà" se ne restano tranquille. comunque se si cerca la soluzione più economica e gestibile nel montaggio (è per questa ragione che all'inizio ho optato per la rete)... la rete è sicuramente più avvantaggiosa che la barriera di plastica (un lavoraccio per installarla!!).
            a parte la mia esperienza personale, ho letto su diversi libri italiani sulle tartarughe che la rete è sconsigliata per questo scopo... era meglio se mi fossi subito fidato dei libri tempo e soldi risparimiati... ma sopratutto non avrei messo a repentaglio le mie tarta!
            igua

            Commenta


            Sto operando...
            X