annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

news-letter del tartaclubitalia 18.07.2010

Comprimi
Questa discussione Ŕ chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • news-letter del tartaclubitalia 18.07.2010

    Tentativo di truffa da parte dei vecchi gestori del Carapax ?
    Il Tarta Club Italia ha scoperto un tentativo di truffa da parte dei vecchi gestori del Carapax o di qualcuno che pu� accedere alle loro mail.
    Questi i fatti:
    Venerd� sera, leggiamo una delle tante mail di richiesta aiuto, questa volta da parte di una ragazza che ci dice non � pi� in grado di detenere un discreto numero di esemplari di Testudo hermanni, in quanto a fine agosto cambia abitazione e non ha pi� il giardino. Diversi mesi f� aveva contattato il Carapax di Grosseto che gli avevano dato disponibilit� ma che per� poi non si erano fatti pi� sentire.
    La nostra risposta, purtroppo, � di consigliare di rivolgersi all'ufficio CITES territoriale ed effettuare la procedura per lo spostamento definitivo, ma che i tempi sicuramente sarebbero stati lunghi. Dopo alcune mail per scambi di ulteriori informazioni, ieri la ragazza riscrive per comunicarci che gli avevano appena scritto "quelli del Carapax" (che tempistica, visto che proprio fra pochi giorni il vecchio gestore deve consegnare le chiavi alla Comunit� Montana in qualit� di nuovo gestore del centro !),
    questo quanto scritto dalla ragazza:
    inizialmente mi aveva detto che costava 10� a tartaruga per spese amministrative e che non era necessario il microchip. Ora mi scrive che deve pagare 50� per la dichiarazione di trasferimento di tutte le tartarughe (le ricordo che ne ho pi� di una, sono parecchie) ed in pi� 15� per ciascuna tartaruga per mettere il microchip, giusto? chi metter� il microchip alle tartarughe? Attualmente non ce l'hanno. Il costo totale, per esempio considerando 20 esemplari, quindi sarebbe 50� + 15� * 20 = 350 euro, corretto? Devo aggiungere altri costi?Siccome sappiamo benissimo che in questo momento il centro � chiuso per ordine del magistrato, quindi non pu� assolutamente ritirare esemplari di Allegato A , specialmente in barba alle nuove norme CITES !
    Ovviamente ci siamo subito insospettiti e oggi abbiamo contattato la nuova curatrice degli esemplari fatti sparire dal centro e ritrovati poco tempo f�, che ci ha confermato quanto sapevamo!
    Siccome il sito web del Carapax � ancora operativo, probabilmente perch� � intestato a persona fiisca e il magistrato pur avendo messo sotto sequestro il centro, non ha pensato di bloccare anche il corrispondente link, vedendo questo evidente tentativo di truffa, ora ci chiediamo ?
    - quante truffe potrebbero essere state effettuate ?
    - quante ne potrebbero fare in futuro ?
    Ci stiamo gi� adoperando per far presente il fatto alle autorit� con la speranza che nessuno cada in qualche trappola !
    Per questo avvisiamo tutti i soci che il sito ufficiale del Carapax non ha nulla a che fare con la prossima nuova gestione del centro !
    Attenzione alle truffe e segnalateci se avete notizie al riguardo ! ricordando che la collaborazione fra tanti allevatori o amanti delle tartarughe spesso da buoni frutti contro le truffe !

    Cordialmente
    Lo Staff del Tarta Club Italia

  • #2
    Debelleranno prima l'HIV che questa storia del carpax...
    [I]Lontano dalla luce Ŕ l'ineffabile splendore. Mostro oscuro Ŕ colui che,affiorando dal buio, vedrÓ il riflesso della sua anima malvagia[/I]

    Commenta


    • #3
      Grazie Rita per mettere sempre sotto l'occhio dei riflettori queste spiacevoli situazioni.

      Commenta


      • #4
        Anch'io quando ho visto la news letter non riuscivo a crederci perchŔ veramente Ŕ una brutta storia . Chiaramente ho inviato la news letter alle autoritÓ competenti e all'universitÓ e in ComunitÓ Montana . Quando mi avevano chiamato dal tartarclub ho solo confermato che per ora noi non prendiamo tartarughe in quando sia il NIPAF sia la cites di Firenze non ci darebbero il permesso , anche perchŔ le nostre tarte sono ancora sotto sequestro giudiziario penale .
        Rita

        Commenta


        • #5
          QUindi Rita da quello che capisco e' un allarme che non e' partito da Comunita Montana o da voi, ma solo dal TCI.
          Chiudo la discussione, per evitare polemiche dato che non c'e la controparte e sopratutto visto che i dettagli sono un po' troppo generici perche possiamo prenderci carico in qualche modo della vicenda...
          NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

          Commenta


          Sto operando...
          X