annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Prima esperienza con tarta - cerco consigli

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Prima esperienza con tarta - cerco consigli

    Ragazzi, buon giorno a tutti. In settimana prenderò la mia prima coppia di tartarughe (non so ancora se hermanni o horsfieldii) di 4 o 5 anni, e ho passato parte della domenica a preparar loro la nuova casetta. Premetto che abito in provincia di roma ed ho intenzione di farle stare all'esterno per tutto l'anno. Avrei deciso di dedicar loro uno spazio di circa 4 mtx2, già pasrzialmente recintato. Quello che sto faendo è scavare tutto intorno un solco nel quale ho intenzione di interrare per circa 30/40 cm una rete di quelle 1cmx1cm in maniera di impedir loro la fuga, dopodichè devo mettere la rete per i 2 lati mancanti. o inoltre acquistato del telo verde ombreggiante alto 1 mt da mettere attaccato al recento perchè ho letto che se le tartarughe riescono a guardar fuori si stressano cercando di uscire. Inoltre metterò sopra della rete esagonale, quella che si usa per i pollai, per evitare attacchi dagli uccelli. DOpo metterò casetta in muratura con fieno e qualche pianta di salvia o rosmarino per ombra. Va bene o devo correggere qualche cosa?

    Grazie, Alessandro

  • #2
    Se scegli le horsfieldi, ma io non lo farei, accertati anche che il terreno sia molto ben drenato e sabbioso, prevedi una zona schermata dalla pioggia e che abbiano l'area di riposo in cui non possa piovere dentro nè accumularsi umidità

    Simone

    Commenta


    • #3
      Mi sta balenando in mente una cosa; io ho a disposizione una vasca da bagno che tengo buttata un un angolo nel terreno (dimensioni circa 60 cm x 170, vado a memoria); se la riempio di terra e sabbia potrebbe essere utile che ne so, per farci stare le tarte finchè non escono dal letargo?(ovviamente metto la solita tana con il riparo per la pioggia e la rete anti uccelli)

      Commenta


      • #4
        Se hai la possibilità l'iernazione naturale è più consigliabile, non c'è motivo di tenerle segregate nella vasca vecchia.

        Commenta


        • #5
          Non va bene. nè per una specie nè per l'altra. Il drenaggio della pioggia è limitato al buco dello scarico ma se piove pesante tutta la sabbia con cui l'hai riempita si impacca e diventa un pastone fradicio letale per le tartarughe che ci sono seppellite dentro. In più, se è fuori terra, è scarsamente coibentabile e si raffredda molto in una nottata invernale ventosa. Così come si riscalda troppo in una giornata di sole.

          Simone

          Commenta


          • #6
            Le horsfieldii sono più economiche e sono in All B,quindi danno meno problemi burocratici.
            Però sono molto difficili da riprodurre e possono soffrire l'elevata umidità Italiana.

            Le boettgeri,superato il costo iniziale più elevato,si adattano bene anche ai climi più rigidi e umidi del centro nord Italia,si riproducono con facilità e non temono praticamente niente.Le mie hanno fatto letargo da novembre ad aprile senza perdere quasi 1gr e la femmina ha poi deposto 4 uova a luglio. Raggiungono dimensioni maggiori anche(io lo ritengo un "PRO")
            [I]Lontano dalla luce è l'ineffabile splendore. Mostro oscuro è colui che,affiorando dal buio, vedrà il riflesso della sua anima malvagia[/I]

            Commenta


            Sto operando...
            X