annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

letargo trachemys

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • letargo trachemys

    salve a tutti,vorrei sapere se è troppo presto far fare il letargo ad un atrachemys di circa nove mesi che si trova sul balcone,e per quanto tempo la posso lasciare li??

  • #2
    Beh è fine agosto.. e ci sono 25 gradi o anche più, come avresti intenzione di fargli fare il letargo? A parte che a 9 mesi è piccolina.

    Commenta


    • #3
      Se stiamo parlando di letargo "controllato", ovvero di un letarho non trascorso in laghetto, è necessaria una capiente vasca da riempire d'acqua che dovrà essere posizionata in una zona del balcone dove non geli, ma le temperature si mantengano comunque al di sotto dei 10°C. Verso la metà di ottobre l'animale ridurrà la sua attività, e quello sarà il momento di prepararlo al letargo, innanzitutto sospendendo l'alimentazione per consentire allo stomaco e all'intestino di svuotarsi completamente. Dopo di che lo si trasferisce nella vasca da letargo, dove starà tutto l'inverno senza alimentarsi per poi riprendere l'attività al sopraggiungere dei primi innalzamenti di temperatura, indicativamente attorno a marzo-aprile. Durante l'inverno può capitare che nelle giornate meno fredde la tartaruga emerga (a tale scopo è fondamentale che nella vasca da letargo ci sia una zona emersa), magari a scaldarsi ai deboli raggi del sole di mezzogiorno. Non va comunque alimentata, perchè se le temperature dovessere calare subito dopo il cibo resterebbe indigerito nello sotmaco, andando in putrefazione e esponendo il rettile a intossicazioni alimentari.

      Commenta


      • #4
        Sì ma ha 9 mesi, io salterei quest'anno.

        Commenta


        • #5
          Non avevo letto dei nove, mesi, meglio saltare il letargo questo anno, se ne riparla per il prossimo.

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da cardisomacarnifex Visualizza il messaggio
            Se stiamo parlando di letargo "controllato", ovvero di un letarho non trascorso in laghetto, è necessaria una capiente vasca da riempire d'acqua che dovrà essere posizionata in una zona del balcone dove non geli, ma le temperature si mantengano comunque al di sotto dei 10°C. Verso la metà di ottobre l'animale ridurrà la sua attività, e quello sarà il momento di prepararlo al letargo, innanzitutto sospendendo l'alimentazione per consentire allo stomaco e all'intestino di svuotarsi completamente. Dopo di che lo si trasferisce nella vasca da letargo, dove starà tutto l'inverno senza alimentarsi per poi riprendere l'attività al sopraggiungere dei primi innalzamenti di temperatura, indicativamente attorno a marzo-aprile. Durante l'inverno può capitare che nelle giornate meno fredde la tartaruga emerga (a tale scopo è fondamentale che nella vasca da letargo ci sia una zona emersa), magari a scaldarsi ai deboli raggi del sole di mezzogiorno. Non va comunque alimentata, perchè se le temperature dovessere calare subito dopo il cibo resterebbe indigerito nello sotmaco, andando in putrefazione e esponendo il rettile a intossicazioni alimentari.
            Scusate ma l'acqua x il letargo deve ricoprire interamente la tartaruga?? se la mettessi tipo in cantina o in garages dove xò c'è quasi sempre buoi è un problema??
            Devo anche cambiarle l'acqua durante il letargo???
            Grazie Baci Elena

            Commenta


            • #7
              Sì. è assolutamente necessario che sia completamente sommersa. Tanto riesce a integrare la respirazione polmonare con quella cloacale, quindi sale raramente a respirare. L'acqua va cambiata regolarmente con acqua alla stessa temperatura. Il buio non è un grosso problema.

              Simone

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da getulus72 Visualizza il messaggio
                Sì. è assolutamente necessario che sia completamente sommersa. Tanto riesce a integrare la respirazione polmonare con quella cloacale, quindi sale raramente a respirare. L'acqua va cambiata regolarmente con acqua alla stessa temperatura. Il buio non è un grosso problema.

                Simone
                Altra domanda ho notato che la cantina è umida, meglio il garages a questo punto??? Però poi a volte in garages a volte ci lavoriamo( il mio compagno ha moto enduro per cui manutenzioni varie....) è un problema??? Ci possono essere degli sbalzi di temperatura in quanto quando ci si lavora in inverno accendiamo una stufetta..... insomma che faccio???
                Grazie Baci Elena

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da elena Visualizza il messaggio
                  Altra domanda ho notato che la cantina è umida, meglio il garages a questo punto??? Però poi a volte in garages a volte ci lavoriamo( il mio compagno ha moto enduro per cui manutenzioni varie....) è un problema??? Ci possono essere degli sbalzi di temperatura in quanto quando ci si lavora in inverno accendiamo una stufetta..... insomma che faccio???
                  Grazie Baci Elena
                  A questo punto meglio la cantina, l'umidita' non dovrebbe essere un problema visto che vivono in acqua.

                  Commenta


                  • #10
                    Meglio un posto dove la temperatura è costante, quindi voto la cantina (a patto che in inverno la temperatura scenda al di sotto dei 10°C).

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da cardisomacarnifex Visualizza il messaggio
                      Meglio un posto dove la temperatura è costante, quindi voto la cantina (a patto che in inverno la temperatura scenda al di sotto dei 10°C).
                      Non ho capito se vabbene o meno che la temperatura scenda sotto i 10 gradi.

                      Commenta


                      • #12
                        La temperatura per il letargo deve scendere sotto i 10°C e restare sopra i 4°C, anzi idealmente sarebbe perfetto che restasse costantemente attorno a 4°C. Sotto i 4°C, più ci si avvicina allo 0, e più cresce il rischio di lesioni da freddo al sistema nervoso centrale e agli organi interni, sopra i 10°C la tartaruga non iberna ma entra in uno stato di semi-torpore, nel quale comunque brucia le riserve energetiche rischiando di dimagrire troppo (non mangia e non digerisce bene, quindi non può recuperare ciò che consuma) e di avere problemi vari.

                        Commenta


                        • #13
                          Scusate ma le elegans soprattutto vivono in gran parte in zone come la louisiana, dove non fanno certamente letargo, perchè volerlo fare per forza anche a esemplari di nemmeno un anno?

                          Commenta


                          • #14
                            a nove mesi sembra anche a me del tutto esagerato e anche io consiglio di tenere la tua tartaruga in cantina anche se un po' umido,infatti io ogni inverno la trasferisco giù in cantina e a fine letargo è sempre in ottime condizioni.

                            Commenta


                            • #15
                              Grazie ragazzi l'animalaccio finirà in cantina che vi assicuro essendo collegata con l'esterno tramite una specie di bocca di lupo d'inverno non supera i 10°C.
                              Grazie Elena

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X