annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

terrario per pardalis

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • terrario per pardalis

    salve a tutti, son nuovo in questo forum...
    sono Riccardo, ho 20 anni e una passione frenata per gli animali...
    a casa ho una hermanni ma gia da qualche anno sto pensando alle grandi africane, ora mi sono deciso, voglio una pardalis...

    allora, inanzitutto volevo preparare il terrario e quando avrò ottenuto una stabilità e una equilibrio perfetto penserò a comprare la piccola...

    allora ho alcuni dubbi..
    .
    il terrario sarà grande 100*50*50 secondo voi per quanto tempo potrò tenerla prima di passare a un terrario più grande?
    in giardino ho già preparato un recinto 6mt x 4mt con la possibilità di poterlo allungare di altri 2 metri, basta?

    come illuminazione pensavo a una spot e un neon uvb, che percentuale dovrà avere?

    secondo voi questo:
    PLAFONIERA HLD HQI 70 WATT + LED + VENTOLA ACQUARIO su eBay.it Acquari, Pesci e Tartarughe, Articoli per animali, Casa, Arredamento e Bricolage
    potrebbe essere montato sul terrario? avrei monti vantaggi con l'hqi?

    grazie mille in anticipo...
    scusatemi per le tante domande ma voglio che sia perfetto

  • #2
    nessuno sa rispondermi?

    avevo dimenticato una cosa, la distanza dei neon e della spot...

    leggendo qua e la ho trovato molto e niente, nel senso che molte guide sono discordanti o diverse, quindi volevo un parere da chi questi animali lì alleva...

    grazie

    Commenta


    • #3
      Io partirei da questa scheda
      http://www.sanguefreddo.net/portale/...s-pardalis-49/
      Venendo alle tue domande, quel terrario andra' bene per un esempalri al massimo di 3 anni di eta', cresciuto correttamente.
      Il recinto in giardino invece va bene anche per un adulto o una coppia.
      La plafoniera che hai indicato non serve a molto, se non a fare molta luce e scaldare parecchio ma per gli UV ti serve qualcosa di specifico.
      La cosa migliore e' usare le vapori di mercuirio specifiche, i neon dovresti usarli a non piu di 20 cm di distanza dalla tartaruga, ed emettono comunque meno e durano anche meno...
      NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

      Commenta


      • #4
        quindi andrebbe meglio un abbinamento spot e neon?
        Per un terrario di queste dimensioni bastano 60 watt di spot e 23 per la compatta uvb?
        Grazie mille

        Commenta


        • #5
          scusate la domanda ma c'è qualcuno tra di voi che ha le pardalis?

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da Riky989 Visualizza il messaggio
            quindi andrebbe meglio un abbinamento spot e neon?
            Per un terrario di queste dimensioni bastano 60 watt di spot e 23 per la compatta uvb?
            Grazie mille
            Credo di si, ma ci sono delle cose che devi testare da solo.
            I watt dello spost, possono bastare 40 o 100 watt, devi misurare tu le temperature che ottieni nella zona basking e nel resto del terrario.
            La compatta invece va bene, ma devi metterla vicino allo spot e collocarla a non piu di 20-25 cm dalla tartaruga, molto meglio se la fornisci di riflettore per non disperdere gli UV in direzioni inutili...
            NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

            Commenta


            • #7
              un ultima domanda poi non vi rompo più finche non la porto a casa...

              un esemplare ben cresciuto di 3 anni quato grande può essere?
              grazie

              Commenta


              • #8
                Circa una 20ina di cm, come riferimento.
                Ma io guarderei prima altri dettagli, tipo se fosse da scegliere tra un 20 cm leggerino e uno di 15 bello pesante, sceglierei il secondo.
                Cosi come darai la priorita' ad animali belli lisci e vispi.
                NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

                Commenta


                • #9
                  sicuramente parlavo di un esemplare in ottima salute...

                  Commenta


                  • #10
                    quancuno di voi condivide questo sistema di allevamento?

                    Per ottenere i migliori risultati in cattività, è importante poter simulare anche in maniera parziale questo ciclo, perciò alla fine della stagione estiva Europea (nella quale è consigliabile allevare questa specie all’aperto e che dovrebbe simulare la stagione calda ed umida in natura), bisogna riportare al chiuso le tartarughe (Circa Settembre/Ottobre in nord Italia) e verso il mese di Dicembre/Gennaio iniziare a ridurre gradualmente le temperature nel loro spazio fino a portarle intorno ai 20°C diurni e se possibile 10/15°C notturni, sempre con l’aggiunta dello spot di calore che garantirà per almeno 8h al giorno una fonte di calore aggiuntiva a sostituzione dell’effetto riscaldante del sole.

                    In queste condizioni anche la dieta dovrà essere convertita quasi totalmente in fieno, infatti questi mesi dovranno simulare l’inizio della stagione secca nella quale anche in natura il nutrimento di G. Pardalis è costituito da erbe ed arbusti secchi.




                    l'ho trovato in:
                    Tartarughe 100x100 - Geochelone (Stigmochelys) Pardalis


                    è attendibile?

                    Commenta


                    • #11
                      Si, ma devi conoscere la provenienza dei tuoi esemplari.
                      Alcune provengono da ceppi che il freddo non lo tollerano cosi bene...
                      NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

                      Commenta


                      • #12
                        capisco, non è così facile come pensavo...

                        Commenta


                        • #13
                          No, perche le pardalis coprono una gran parte dell'Africa, con popolazioni molto "staccate" e differenziate come abitudini ed esigenze.
                          Una pardalis pardalis del SudAfrica, tollera meglio il freddo e il ciclo stagionale di una che vive in uno stato Centroafricano, per dire.
                          Fare una scheda che copra le esigenze di tutte e' impossibile, per quello di solito si consigliano standard che evitino le condizioni estreme, anche perche quasi mai saprai esattamente il ceppo di provenienza del tuo animale.
                          NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

                          Commenta


                          • #14
                            parlano di alimentarle con fieno, durante il nostro inverno e possibile farlo? Non interamente, ma solo x ricreargli le stagioni...

                            boh, ora mi chiedo se sarò in grado di far star bene la bestiola, qual'è la tartaruga africana più facile da tenere?

                            Commenta


                            • #15
                              Se sono pardalis pardalis può andare bene,anche se nel loro areale anche nei periodi in cui le notti sono fredde,di giorno si arriva a temperature sopra i 20°C.
                              Per le pardalis babcocki invece a mio avviso non va bene,mi sembrano tartarughe che già con notti tiepide,si spengono parecchio.
                              [I]Lontano dalla luce è l'ineffabile splendore. Mostro oscuro è colui che,affiorando dal buio, vedrà il riflesso della sua anima malvagia[/I]

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X