annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

aiuto trasloco in montagna

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • aiuto trasloco in montagna

    buona sera a tutti sono federico, scusate per la lunghezza del messaggio.
    qualche mese fa ho scritto sul forum per chiedere informazioni sulle mie 2 horsefeldi.
    da circa 6 mesi han vissuto al sole nel giardino di casa.
    ora però devo trasferirmi per lavoro in una zona montana a poco meno di 1200 metri sul livello del mare.(gromo, Bergamo)
    il giardino è costantemente sotto il sole, ma la mia domanda è:
    la temperatura in montagna è chiaramente più fredda, fino a -6 gradi in inverno dove ho casa,ma l'umidita' è inferiore che in città? anche quando nevica? non ci son piante dei dintorni di dove le metterei ne muschi poichè non arriva acqua piovana, la zona sarebbe protetta dalla tettoia della casa.
    ricordo che in una discussione di tempo fa mi avevan detto che non temono il freddo rigido se c'è sempre il sole diretto, è corretto? il riparo da agenti atmosferici sarebbe cmq garantito, neve compresa.in più ho abbondanza di tarassaco e cicorie varie che nascono naturalmente lassù.

    grazie in anticipo

  • #2
    Hai detto bene sopportano i freddi rigidi ma secchi quindi va bene l'habitat :d PENSO AVRESTI AVUTO PIU PROBLEMI SE SAREBBERO STATE HERMANNI...

    Commenta


    • #3
      Di certo non sono un esperto di tarta...
      Ma "sarebbero state" è proprio tremendo eh eh eh... scherzo non te la prendere... anche io quando parlo faccio un sacco di errori !

      Buona serata,

      Stefano

      Commenta


      • #4
        Le horsfieldii sono le tartarughe che vivono nel luoghi piu freddi per dei cheloni...andra benissimo, la cosa fondamentale e non abbinare il freddo all'umidita'.
        Ovviamene devono avere la possibilita' di interrarsi profondamente, magari ricopri poi la zona con paglia o foglie.
        NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

        Commenta


        • #5
          Dicono che più è freddo e lungo l'inverno e più possibilità di riprodurle ci sono.
          Parola del pover Bert...
          [I]Lontano dalla luce è l'ineffabile splendore. Mostro oscuro è colui che,affiorando dal buio, vedrà il riflesso della sua anima malvagia[/I]

          Commenta


          • #6
            perfetto..era quello che speravo...il giardino è in terra libera per cui possono scavare quanto vogliono...pensavo di mettere anche il classico vaso sdraiato e mezzo interrato messo un po' in ombra come rifugio...recinto interrato per almeno 60cm e...
            ci sono altri consiglii che ti senti di darmi?
            ci tengo che riescano a fare un inverno sicuro e un letargo come si deve..mi terrorizza che possano addormentarsi e non svegliarsi più...mi accorgo del punto in cui si interrano?per poi metterci foglie e paglia...

            grazie mille davvero

            Commenta


            • #7
              ragazzi mi servirebbero davvero delle altre dritte per esser sicuro che rimangano sane come sembrano ora...
              a proposito..è possibile che abbiano entrambe messo una ventina di grammi in 2 mesi?
              inoltre: quali possono essere i segni di benessere o di malessere nelle horsefieldi?oltre alle deformazioni degli scudi(problema che non hanno)...
              grazie di nuovo

              Commenta


              • #8
                Ceca di vedere dove vanno a nascondersi per la notte, in quel punto solitamente poi vanno in letargo.
                Una volta che hai individuato il punto io procederei a questo modo: due pilastrini fatti con mattoni o altro ben solidi ma bassi e copertura con pannello di legno o altro isolante in modo che non ci piova o ci piova pochissimo.
                Come ti han già detto temono più l'umidità che il freddo e se le ripari dalla pioggia è meglio.
                Il classico coccio non basta per chiudere dall'acqua quindi cerca una soluzione che possa ripararle bene.
                Segni di benessere sono vispe, mangiano e bevono mentre se stan male non mangiano e sono apatiche.
                In questa stagione però è anche normale se non sono dei fulmini dal momento che le temperature iniziano a scendere.
                Venti grammi in due mesi non sono molti ma meglio che niente... ma le pesi con una bilancia elettronica tarata al grammo?

                Commenta


                • #9
                  pensavo come riparo di mettere un bel vasone di terracotta sdraiato ed interrato per tre quarti come sto facendo qui in città...

                  per la precisione hanno aumentato: la più piccola da 108 grammi a 139 grammi, la più grossa da 160 grammi a 188...l'ultima pesata è stata effettuata a metà luglio.quindi poco meno di 2 mesi fa...sempre con bilancia elettronica al grammo...

                  le nutro con:di base cicorie e tarassaco selvativo, poi vario ogni tanto con indivia e lattuga romana...che faccio cerco degli integratori?

                  Commenta


                  • #10
                    Cibo va benissimo quello che stai dando anche in previsione del letargo: mangeranno solo se veramente ne sentono il bisogno e non per gola.
                    I vasone di terracotta va bene però una volta che sono proprio in letargo definitivamente io le isolerei ancora di più dall'acqua lasciando il vaso ma coprendolo con qualcos'altro che impermeabilizzi di più.
                    Questo proprio perché più asciutto hanno e meglio è

                    Commenta


                    • #11
                      in effetti se mi dici che tendono ad andare in letargo dove si riparano abitualmente inizio a pensare che non sia il massimo il vaso..perchè permetterebbe loro di sotterrarsi fino ad un certo punto...circa 30cm..che mi sembrano pochi...

                      Commenta


                      Sto operando...
                      X