annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Animali in All. "B" cedo la muta: va scaricata dal Registro?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Animali in All. "B" cedo la muta: va scaricata dal Registro?

    ciao a tutti,ho una domanda.visto che il registro allegato B comprende animali e parti di essi,oltre alle piante ecc,mi chiedevo.....se per esempio ho la muta di una migale in allegato B,o meglio ancora prendo tutte le mute compiute durante l'arco della crescita,le raccolgo,le incornicio e le cedo a terzi,devo scaricarle dal registro?come funziona visto che sarebbero parti di animali in allegato B?si rilascia anche l'atto eventuale di cessione?e se devo scaricarla,quando la dovrei caricare?

  • #2
    Le parti si intendono relative all'animale fisicamente...una muta non credo proprio possa essere figurata in quella casistica...
    Lo stesso sarebbe per una muta di serpente, non puo' essere considerata "derivato o parte", lo sarebbe una pelle, un carapace ecc...
    Non escludo che qualche funzionario possa pensare diversamente, ma credo sarebbe una forzatura davvero eccessiva...
    NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da Luca-VE Visualizza il messaggio
      Le parti si intendono relative all'animale fisicamente...una muta non credo proprio possa essere figurata in quella casistica...
      Lo stesso sarebbe per una muta di serpente, non puo' essere considerata "derivato o parte", lo sarebbe una pelle, un carapace ecc...
      Non escludo che qualche funzionario possa pensare diversamente, ma credo sarebbe una forzatura davvero eccessiva...
      E qui come la mettiamo?
      http://www.sanguefreddo.net/showthre...ltimento/page2

      Voglio dire: se per ipotesi un funzionario della "Forestale" si dimostra (o potrebbe dimostrarsi) così zelante da ritenere un'exuvia "derivato o parte" di un animale, come la mettiamo allora (a maggior ragione stando così le cose e dal mio punto di vista) con l'animale intero?
      Ciao.
      Lupo ululà e castello ululì. Da Frankenstein Junior di Mel Brooks (1974).
      www.sezionedoguedebordeaux.com/rescue

      Commenta


      • #4
        non vedo attinenza...
        se una muta o esuvia venisse considerata "parte" dell'animale dovremmo scaricarla ogni volta che l'animale fa la muta?
        NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da Luca-VE Visualizza il messaggio
          Le parti si intendono relative all'animale fisicamente...una muta non credo proprio possa essere figurata in quella casistica...
          Lo stesso sarebbe per una muta di serpente, non puo' essere considerata "derivato o parte", lo sarebbe una pelle, un carapace ecc...
          Non escludo che qualche funzionario possa pensare diversamente, ma credo sarebbe una forzatura davvero eccessiva...
          Originariamente inviato da Luca-VE Visualizza il messaggio
          non vedo attinenza...
          se una muta o esuvia venisse considerata "parte" dell'animale dovremmo scaricarla ogni volta che l'animale fa la muta?
          Mi sa che stavolta non ci siamo capiti.
          Sulla questione dell'exuvia, sono d'accordo con quanto hai scritto al 100%. Detto questo, la mia domanda partiva prendendo come spunto questa tua frase: Non escludo che qualche funzionario possa pensare diversamente, ma credo sarebbe una forzatura davvero eccessiva... e le successive (evidenziate in rosso) e di seguito, mi sono ricollegato a questa discussione:
          http://www.sanguefreddo.net/showthre...ltimento/page2 e a quanto scrissi nell'occasione:

          Riguardo alla gestione dei decessi di esemplari in Allegato "A" e "B", sarebbe opportuno avere qualche certezza in più e nello specifico mi chiedo: la CITES nasce dall'esigenza di controllare il commercio degli animali e delle piante, siano essi vivi, morti o loro parti e/o prodotti vari derivati, come si pongono le autorità preposte (e nella fattispecie mi riferisco al Corpo Forestale dello Stato) di fronte a questa eventualità? Per esempio (solo per esempio): un Boa constrictor può essere vivo e viene commercializzato, morto e può essere "imbalsamato" e commercializzato, loro parti e/o prodotti vari derivati -qui perdonatemi la brutalità- scuoiato e ne viene commercializzata direttamente la pelle, oppure con la stessa ci fabbricano un paralume o una cintura, ecc.
          Il documento che hai postato Luca, è ufficiale ma viene dal Ministero della Salute. Restando in ambito ministeriale, l'autorità principale di gestione delle normative CITES è il Ministero dell'Ambiente. L'altra autorità di gestione e di controllo e rilascio delle autorizzazioni è il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali tramite il Corpo Forestale dello Stato.
          Il Ministero dello Sviluppo Economico è invece l'autorità di rilascio delle licenze d'import/export. Quindi non dico che siamo punto a capo ma come sempre, non vorrei che si finisse nella "solita, arcinota logica del si, no, ni": per le cessioni gratuite (quelle "vere" e riferito solo all'Allegato "B") serve il Registro di detenzione? A seconda della latitudine e/o longitudine le risposte saranno si, no, ni. Uno per tutelarsi che fa? Se deve cedere degli animali (a qualsiasi titolo lo faccia), prende questo benedetto Registro e stop.
          Così il decesso di esemplari in Allegato "B": va in qualche modo dichiarato, segnalato, registrato? Si, no, ni. In assenza del Registro di detenzione, uno va dal veterinario o direttamente all'ASL, l'animale viene "smaltito" e in mano si ha la relativa documentazione che lo smaltimento è avvenuto (quindi l'animale non esiste più fisicamente ed è innegabile che non può più essere commercializzato) e fine del cinema. Quantomeno io la vedo così.
          Ciao.
          Ciao.
          Lupo ululà e castello ululì. Da Frankenstein Junior di Mel Brooks (1974).
          www.sezionedoguedebordeaux.com/rescue

          Commenta


          • #6
            se un funzionario della forestale mi dice che la muta è un derivato dell'animale,io onestamente gli darei pure ragione e mi preoccuperei addirittura di aver buttato tutte le mute dei miei serpi nell'umido!insomma ci si può sentire tranquili che le mute non vanno conteggiate nelle parti di animali da denunciare?

            Commenta


            • #7
              Direi di si...altrimenti si sfora davvero nell'assurdo.



              P.s. Terraquarium ci siamo ingarbugliati... comunque una muta non e' pelle, quindi....
              NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

              Commenta


              • #8
                Forse posso dare una mano io, nell'ultimo regolamento n° 750/2013 si legge (note sull'interpretazione degli allegati A,B,C e D):

                -Punto 12 (pag.3); "Se una specie è compresa nell’allegato A, B o C, tutte le parti e i prodotti da essa derivati sono compresi nello stesso allegato, salvo se tale specie reca un’annotazione indicante che sono inclusi soltanto parti e prodotti specifici."

                -Punto 14 (pag.5); "L’urina, le feci e l’ambra grigia che costituiscono rifiuti ottenuti senza manipolazione dall’animale in questione non sono soggette alle disposizioni del presente regolamento."

                Come potete vedere il punto 12 indica che tutti i prodotti derivati da una specie inclusa nell'allegato, sono a loro volta incluse nello stesso allegato salvo diverse disposizioni, contemporaneamente, però, il punto 14 indica che "rifiuti ottenuti senza manipolazione dall’animale in questione non sono soggette alle disposizioni del presente regolamento", essendo che l'exuvia o la muta dei serpenti sono rifiuti degli stessi ottenuti senza manipolazione, essi secondo il regolamento non fanno parte deglia llegati e quindi non hanno bisogno di nessuna documentazione.

                Commenta


                • #9
                  Ottimo, direi che calza a pennello
                  NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

                  Commenta


                  • #10
                    Dà una certa soddisfazione poter essere d'aiuto di tanto in tanto, ricapitolando in parole povere:

                    Le parti o prodotti derivanti da una determinata specie inserita nel CITES, rientrano a loro volta nel regolamento se ottenuti manipolando l'esemplare, altrimenti, se si tratta di rifiuti (non usano la parola prodotti) ottenuti naturalmente dall'esemplare senza quindi creare manipolazione allo stesso, essi stessi non rientrano nel CITES e quindi non hanno bisogno di nessuna documentazione.

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da Luca-VE Visualizza il messaggio
                      P.s. Terraquarium ci siamo ingarbugliati... comunque una muta non e' pelle, quindi....
                      L'importante è capirsi: in fin dei conti, entrambi dicevamo la stessa cosa .


                      Originariamente inviato da Cauldronborn Visualizza il messaggio
                      Le parti o prodotti derivanti da una determinata specie inserita nel CITES, rientrano a loro volta nel regolamento se ottenuti manipolando l'esemplare, altrimenti, se si tratta di rifiuti (non usano la parola prodotti) ottenuti naturalmente dall'esemplare senza quindi creare manipolazione allo stesso, essi stessi non rientrano nel CITES e quindi non hanno bisogno di nessuna documentazione.

                      Credo che quanto riportato sopra, sia abbastanza indicativo di come sarebbe preferibile (anche se non obbligatorio) comportarsi in seguito alla morte di un esemplare in All."B":

                      ...Così il decesso di esemplari in Allegato "B": va in qualche modo dichiarato, segnalato, registrato? Si, no, ni. In assenza del Registro di detenzione, uno va dal veterinario o direttamente all'ASL, l'animale viene "smaltito" e in mano si ha la relativa documentazione che lo smaltimento è avvenuto (quindi l'animale non esiste più fisicamente ed è innegabile che non può più essere commercializzato) e fine del cinema.
                      Ciao.
                      Lupo ululà e castello ululì. Da Frankenstein Junior di Mel Brooks (1974).
                      www.sezionedoguedebordeaux.com/rescue

                      Commenta


                      Sto operando...
                      X