annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Aiutatemi a salvare un fico!

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Aiutatemi a salvare un fico!

    Chiedo scusa se l'argomento esula un po dal terrario, ma ho questo problema e non so a chi chiedere.

    Nel cortile dove mia mamma lavora pendono alcuni rami di un fico che si trova al di la di un muro. Ogni estate fa molti frutti buonissimi e mi madre raccoglie quelli sui rami dalla nostra parte...(il padrone lo conosciamo cosa credete!). Ora però devono construire su quel terreno e la pianta va tolta. Siccome non è stata piantata ma il terreno è incolto, ho paura che si limiteranno a tagliarla e buttarla. Io però ho a disposizione un pezzo di giardino nel mio oratorio che sembra fatto apposta! Vorrei salvare la pianta, così da trapiantarla e poter mangiare un fico tra una partita di calcio e una di basket...

    Ci sono accorgimenti particolari da seguire per estrarla, trasportarla, trapiantarla?

  • #2
    Originariamente inviato da ladyOscar
    il padrone lo conosciamo cosa credete
    anche se non lo conosci puoi prenderli comunque...scusa deformazione
    per il resto non saprei
    già...sapessi la gente che dalla strada dietro casa banchetta con le mie more in estate !!! >.<

    Per il fico, in teoria si dovrebbe togliere dalla terra conservando attorno alle radici un pane di terra...poi dovrebbe esser messo nel luogo scelto, in una buca fatta apposta per alloggiare il pane di terra che racchiude le radici della pianta.
    E' che se fa tanti fichi immagino sia una pianta bella grossa con un apparato radicale bello esteso...per tirarla fuori, anche volendo prendere un ampio pane di terra, finirai sicuramente per tranciare le radici, e la pianta potrebbe anche morirne.

    Come a dire, puoi provare, sai mai che va di fortuna, ma non nutrire troppe speranze.

    Commenta


    • #3
      Per portarlo via al suo triste destino devi scavare una trincea attorno al tronco a circa 30-40 cm di distanza , sempre che non sia una pianta troppo grande, così facendo potrai trasportarla alla sua nuova dimora senza daneggire le radici che di persè sono già delicate e fragili, se però la pianta è troppo grande ( già un diametro del fusto di 20-30 cm) è um bel peso da trasportare se non necessiti di qualche mezzo agricolo, comunque buona fortuna e non farlo in questo periodo fa ancora troppo caldo e la pianta sofrirebbe parecchio, se lo devi fare aspetta che cadano le foglie o meglio ancora sarebbe che tu lo facessi in primavera, se però il rischio è che la taglino da un giorno all'altro tanto vale rischiare il prima possibile!
      www.ranitomeya.weebly.com

      Commenta


      • #4
        Per l'espianto delle piante arboree ci vogliono particolari accorgimenti, innazitutto la stagione, da ottobre in poi. E poi se la pianta è vecchia ci vogliono addirittura anni per espiantarla, scavando nel tempo e potando appropriatamente le radici. Da non dimenticare è poi l'impianto che deve essere fatto posizionando la pianta su strati e strati di composti vari, ammendanti e concimi... Insomma, la pianta di figo è una pianta infestante, fidati, fai prima a comprartene una tutta per te, tanto è molto veloce nella crescita.

        Commenta


        • #5
          Il problema è che devono scavare le fondamenta da un momento all'altro, per cui non posso aspettare tanto, anzi. Cercherò di far scavare il più possibile in fuori per non tranciare radici.

          Cosa posso mettere nella buca dove la inserirò per aiutarla? Concimi terra o sabbia, cosa?

          Commenta


          • #6
            Beh prova, magari vive, è molto rustica come pianta...
            Allora, fai così, puoi anche solo mettere, partendo dallo strato più basso:
            - rami e legni
            - pietre
            - letame
            - terriccio da giardino (quello dei gerani insomma)
            - pianta

            Non importa se tagli le grosse radici, basta che non togli la terra attorno alla radici piccole intorno alla base della pianta, guai altrimenti muore, le radichette (quelle piccolissime) sono molto più importanti di quelle grosse principali.

            Commenta


            • #7
              da quello che so, se anche un solo ramo dell' albero di un tuo vicino pende nel tuo giardino, tu puoi richiedere l'abbbattimento dell'albero.
              quindi credo che facendo questo procedimento (legale) potresti invece di abbatterlo recuperarlo

              certo non è carino denunciare il tuo vicino che pergiunta conosci..


              non so molto su questo procedimento ma potresti informarti

              Commenta


              • #8
                No aspetta, se un ramo esce dal confine e finisce nella tua proprietà, il proprietario dell'albero è incaricato di potarlo; non abbattono gli alberi così.
                Però se il tuo vicino ha una seqoia e ti toglie tutta la luce o reca molto fastidio... allora si potrebbe anche abbattere.

                Commenta


                • #9
                  Sì ma questo non è un problema, primo perchè a noi fa (faceva) comodo qualche fico nel cortile, poi non ho bisogno di vie legali, lo conosco e se me lo lascia prendere lo prendo, sennò pazienza, io ci provo perchè mi pare uno spreco, spero di riuscire. Se dovesse andare male almeno ci ho provato. Il fatto che stia per arrivare la stagione fredda può essere un aiuto pe il fatto che la pianta sarà poco attiva?

                  Commenta


                  • #10
                    Salve ragazzi!
                    Massi potresti considerare anche un'altra possibilità : la talea!
                    Come il buon ripepi ha detto il fico è una pianta che cresce abbastanza rapidamente.Se la pianta in questione fa tanti frutti e così buoni puoi pensare di preservarne i geni effettuando delle talee,in modo che le future piante sarebbero geneticamente identiche a quella attuale e se messe in condizioni simili a quelle in cui vive la pianta madre produrranno altrettanto!
                    Questo ovviamente in linea teorica : replicare esattamente le condizioni del terreno,le sue caratteristiche fisico-chimiche e le stesse condizioni ambientali non è semplice.
                    Però se non ti riuscisse ne di espiantare il fico,ne di salvarlo,potresti sempre ricorrere a questo stratagemma e...attendere!
                    Pensandoci potresti anche trasportare nel posto in cui andresti a piantare le talee una buona quantità di terreno dal posto in cui vive ora la pianta.
                    Ciao!

                    Commenta


                    • #11
                      Però se il tuo vicino ha una seqoia e ti toglie tutta la luce o reca molto fastidio... allora si potrebbe anche abbattere.
                      insomma... non è proprio così....
                      poi sicuramente se un ramo pende nel tuo giardino puoi potarlo ma abbatterlo povero albero che male ha fatto.

                      ritornando in argomento massi non c'è nessun vivaio diposto ad aiutarvi; anche a me dispiace vedere morire un albero, poi il fico mi sta proprio simpatico, anche se per molti contadini da queste parti è il contrario porprio per il fatto che è infestante; se proprio non riesci a spiantarlo prendi un po' di talee, crescono molto velocemente.
                      Satia te sanguine quem sitisti, cuiusque insatiabilis semper fuisti.

                      Commenta


                      • #12
                        Se vuoi un consiglio il fico è una pianta resistentissima, solo la carie la abbatte ma rigetta dalla base e riviene a sua volta attaccato.
                        Se viene estirpato a foglie cadute hai ottime possibilità che sopravviva e tentar non nuoce.
                        Il fico soffre il ristagno idrico quindi predilice terreni sabiosi e ben drenati.
                        Se il terreno dove lo metterai a dimora non è sabbioso metti uno strato di pietre o breccio e ancora per bene l'albero con paletti e cavi onde evitare spostamenti del fusto durante la formazione del nuovo capillizio radicale che potrebbe essere danneggiato (vista l'esilità) da tali movimenti.
                        Quando la pianti falla assestare per bene mettendo acqua sulla terra che coprirà la fossa di coltivazione.
                        Se il terreno è argilloso, evita che la terra che sta intorno alla buca che scavi, si compatti ai lati per effetto della vanga potresti cusare il tipico effetto vaso che fa crescere stentatamente per vari anni l'apparato radicale.
                        Ricorda di fare una bella potatura (anche drastica non e'un problema riducila anche a 1/3 delle dimensioni iniziali) all'albero prima di piantarlo e ricorda che il periodo migliore per questi spostamenti è ad inizio primavera prima della ripresa vegetativa.
                        Non fargli mancare mai acqua dopo il trapianto ma non annegarlo potresti causarne la morte, se attecchisce, dopo uno due anni puoi anche evitare di innaffiarlo se il clima non è aridissimo.
                        Ricorda che meno acqua anno maggiore è la concentrazione di zuccheri nel frutto che ne aumentano il gusto.
                        In bocca al lupo per ogni cosa chiedi pure

                        Commenta


                        Sto operando...
                        X