annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Dubbi su recinto esterno per Timon lepidus

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Dubbi su recinto esterno per Timon lepidus

    Ciao a tutti,
    questa primavera molto probabilmente prender˛ dei timon lepidus da un mio amico e avrei intenzione di dedicargli un recinto esterno .
    Per realizzarlo prender˛ come modello quelli di agama international , ovvero sviluppato circa 70 cm sotto terra , con 40 cm al di sopra del terreno , dove andrei a montare l'apertura in rete .
    All'interno di questi inserirei piante vere , sassi , rami e corteccie. La mia intenzione sarebbe quella di poterli all' evvare all'esterno tutto l'anno. Per fargli superare l'inverno al meglio , oltre a mettere un sostanzioso strato di terriccio misto a foglie secche , dove eventualmente i lepidus potranno interrarsi e scavare tane invernali, inserirei tegole ricoperte da un abbondante strato di foglie , da juta e infine da un telo impermeabile. Infine , per maggior sicurezza , d' inverno ricoprirei l'intero recinto a mo di serra. Quando i lepidus potranno accoppiarsi , io lascerei incubare le loro uova all'esterno , nel loro recinto ( proprio come faceva Bert , il fondatore di agama international, con gli shinisaurus ) e una volta nati , andrei a raccogliere i piccoli. Per˛ avrei dei dubbi su tale progetto e vorrei rivolgermi a voi per eventuali chiarimenti . Il mio primo dubbio Ŕ questo : il loro recinto dovrÓ essere il pi¨ naturale possibile e per garantire questo ai suoi ospiti lascerei il recinto scoperto ( tranne d'inverno ), ovvero vorrei far in modo che piova all'interno di questo , come accadrebbe in natura , per˛ chiedo a voi come fare in modo che il terreno assorba l'acqua ovvero non vorrei vedere il recinto all'agato ahaha.
    L'altro mio dubbio Ŕ il seguente : io vorrei realizzare il recinto in mattoni ( proprio come quelli su agama international ) ma chiedo a voi se devo cementificare il fondo. Io infatti non ho idea di quanto possa scavare un timon lepidus , ma non vorrei che questi scavassero una galleria sino all'esterno della costruzione . Questo Ŕ tutto

  • #2
    Ragazzi , nessuno sa darmi un consiglio ahaha

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da lesueurii Visualizza il messaggio
      Per realizzarlo prender˛ come modello quelli di agama international , ovvero sviluppato circa 70 cm sotto terra , con 40 cm al di sopra del terreno , dove andrei a montare l'apertura in rete .
      se li prendi baby ridimensiona -e di molto- le dimensioni dei terrari di bert, altrimenti li perdi.

      La mia intenzione sarebbe quella di poterli all' evvare all'esterno tutto l'anno.
      nessun problema, se lo faccio io a padova di sicuro ce la farai te ad Ancona

      Infine , per maggior sicurezza , d' inverno ricoprirei l'intero recinto a mo di serra.
      io lascerei una parte scoperta altrimenti piante ed erba, per 4/5 mesi senza acqua, non resistono.

      Quando i lepidus potranno accoppiarsi , io lascerei incubare le loro uova all'esterno , nel loro recinto ( proprio come faceva Bert , il fondatore di agama international, con gli shinisaurus ) e una volta nati , andrei a raccogliere i piccoli.
      e se si accoppiano quando la femmina Ŕ ancora troppo piccola? va in distrocia e muore.
      ma sei sicuro di aver allevato altri rettili prima d'ora?

      inoltre bert non lasciava schiudere le uova nei terrari esterni. non per tutti gli animali almeno.

      vorrei far in modo che piova all'interno di questo , come accadrebbe in natura , per˛ chiedo a voi come fare in modo che il terreno assorba l'acqua ovvero non vorrei vedere il recinto all'agato ahaha.
      L'altro mio dubbio Ŕ il seguente : io vorrei realizzare il recinto in mattoni ( proprio come quelli su agama international ) ma chiedo a voi se devo cementificare il fondo.
      effettivamente il terrario interrato ha una grande probabilitÓ di riempirsi d'acqua, con piogge abbondanti.... devi valutare te.
      se dai la possibilitÓ di molte tane e nascondigli le lepide adulte non scaveranno pi¨ di tanto.
      www.apaeweb.com

      Commenta


      • #4
        Io non mi ero posto il problema dell'accoppiamento prematuro , anche perchŔ in natura credo si accoppino quando vogliono , anche se magari la femmina Ŕ ancora piccola . Fino ad ora o allevato pogone , ma non le ho mai fatte accoppiare quindi se ho detto qualcosa di sbagliato Ŕ per via della mia inesperienza . Quindi dici che le uova dovrei incubarle io , ovvero non lasciarle nei recinti ?
        I tuoi recinti come li hai strutturati ?

        Commenta


        • #5
          ora sono dal cell , non riesco a caricare foto,comunque trovi una mia discussione in questa sezione. non trovando immediatamente le uova deposte,ne ho perse 4mangiate da formiche e altro. io non rischierei
          www.apaeweb.com

          Commenta


          • #6
            Ti ringrazio , il problema allora sarÓ capire dove depongono le uova . Se metto una grande ciotola chiusa su tutti i lati dici che vanno a deporle lÓ dentro oppure preferirebbero comunque il terreno ?

            Commenta


            • #7
              le mie hanno sempre preferito il terreno nonostante avessi messo ciotole di terra pi¨ morbida di tutte le forme e dimensioni
              www.apaeweb.com

              Commenta


              • #8
                Tu alle tue che rifugi invernali offri? Durante l'inverno ricopri parte del recinto con teli impermeabili ? Il tuo recinto quanto Ŕ profondo ? scusa per le domande ma ogni tanto mi viene qualche dubbio

                Commenta


                • #9
                  Ú tutto scritto nell'altra discussione
                  www.apaeweb.com

                  Commenta


                  Sto operando...
                  X