annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Nuovo terrario per pitone reale

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Nuovo terrario per pitone reale

    ecco finalmente il terrario con le tane complete, ha un fondo adesivo attaccato esternamente con disegno roccioso, due tane costruite da me, rivestite esternamente con lastre sottili di sughero e poi completamente rivestite in finto prato sia dentro che fuori e collegate da un pezzo di radice lavata e sterilizzata fatta apposta per terrari.
    poi sotto c'è un tappetino riscaldante da 25W collegato ad un termostato con sonda e con portata di 500W.
    due termometri a sonda (uno per la zona calda ed uno per la fredda), un igrometro a lancetta (nell'attesa di comprare quello digitale a sonda della exo terra), una vaschetta in terra cotta rotonda per eventuali bagnetti o bevutine e un abbeveratoio angolare posto sopra una delle tane. teoricamente dovrebbe esserci tutto ma se credete manchi qualcosa o qualcosa non vada bene datemi consigli.

  • #2
    Potresti postare qualche foto?

    Commenta


    • #3
      spero di essere riuscito a postare la foto correttamente, devo solo sostituire l'igrometro da analogico in digitale e aggiungere un paio di piante finte che ne dite? datemi consigli...
      File allegati

      Commenta


      • #4
        Ciao, io leverei tutta l'erba sintetica, ma proprio tutta, leva il ramo che non serve a nulla, visto che il reale non è arboricolo, inoltre a occhio mi sembra piccolino (anche se non ci hai detto quanto grande è il reale in oggetto....). Risparmia i soldi dell'igrometro digitale, può andare bene quello a lancetta (non è un'incubatrice) io li ho usati per anni e li ho sempre trovati precisi.
        Io leverei anche le due tane e lascerei una sola ciotola, come fondo usa carta di giornale e così hai fatto anche le tane visto che i reali amano interrarsi, se non ti piace il giornale usa torba opportunatamente sterilizzata in forno, in questo caso lascia un vaso di terracotta capovolto con il foro grande a sufficienza per far passare l'animale.
        E se proprio vuoi fare una cosa completa fodera la teca di vetro con il polypan così la isoli, e risparmi corrente. Naturalmente sotto la teca devi lasciare un mezzo cm di spazio per permettere la dissipazione del calore altrimenti si spacca il fondo, l'ideale sono dei feltrini (quelli che si usano per le zampe delle sedie che rialzano la teca quanto basta).

        ciao Piero

        Commenta


        • #5
          ciao Piero,
          ti ringrazio per i consigli che mi hai dato ma trovo parecchie incoerenze con tanti altri pareri di utenti di questo forum, inoltre è 20 anni che mi documento su enciclopedie libri vari e siti con schede complete che parlano del pitone reale oltre che aver visitato i vari rettilari sparsi in italia per studiarne comportamento e altre cose come l'habitat, comunque arrivo al dunque: dici di levare tutta l'erba sintetica che fa da fondo al terrario ma in più schede che parlano di pitoni reali consigliano anche questo tipo di fondo insieme ad altri tipo la torba bionda e il giornale e molti utenti di questo sito ne fanno uso, quindi credo e non spero che stiamo sbagliando tutti.
          il pitone reale non è un animale completamente terricolo ma è un terricolo-arboricolo alla quale di notte piace talvolta arrampicarsi su rami o pezzi di radice, infatti su schede specializzate in pitoni consigliano di metterne uno che abbia una larghezza del doppio dell'animale, anche in questo caso più utenti di questo sito utilizzano rami o radici apposite e sterilizzate dentro il loro terrario, inoltre se visiti i rettilari italiani tutti nelle teche hanno dei rami e dico tutti, mai visto uno senza.
          forse sulla cosa dell'igrometro hai anche ragione ma io lo volevo digitale per misurare con estrema precisione e per metterne uno come i termometri.
          riguardo il levare le tane non so, ma sono fatte con tanto amore a misura di pitone, lavabili e smontabili e non vedo il motivo di rimuoverle dato che ne ho create due identiche una per la zona calda e una per la fredda, te dici di mettere un vaso e comunque ci sta bene anche quello ma mi sembrava molto modesto. certo il pitone non è un trofeo da mostrare in giro o alle persone che ci vengono a trovare ma credo che anche i nostri pitoncini meritino qualche chicca nella loro casa per vivere comodi.
          riguardo al foderare la teca con del polypan sinceramente non ne vedo il bisogno perchè abito nelle alture di savona in una casa in pietra rivestita con muri davvero molto spessi ed ora in casa ci sono circa 29 gradi e di inverno e molto scaldata perchè ho due tipi di riscaldamento (avendo bimbi piccoli non mi posso permettere di tenerla fredda) inoltre vedo i parametri che sono stabili e giusti.
          in ultimo ti posso solo dire che il terrario è di quelli già fatti per serpenti di quelli comprati in negozio che prevede già la doppia presa d'aria (una in alto e una in basso) e prevede già il fatto di essere rialzato dalla base d'appoggio con dei suoi piedini per non gravare col peso sopra al tappetino riscaldante e per permettere appunto la dissipazione di calore.
          con ciò credo di aver detto tutto, ti ringrazio comunque per i tuoi punti di vista.

          Commenta


          • #6
            Fermo fermo... mica ho detto che tutti quelli che usano l'erba sintetica sbaglìno. Io ho dato un mio persnonale parere su come allestirei IO il terrario. Tutto qua, tu hai chiesto un parere e io ti ho dato il mio, non è un problema se discorda dal tuo punto di vista.
            Quanto al polypan, il suggerimento è dato senza sapere le informazioni che mi hai dato nel messaggio successivo, è solo un sistema molto pratico per la coibentazione che nel tuo caso a questo punto non serve.
            Spero di non essere stato frainteso...

            ciaoooooooo

            Commenta


            • #7
              no tranquillo nessun fraintendimento era solo che mi sembrava strano che il tipo di allestimento mi dicevi che era sbagliato, poi se è solo questione di gusti allora è un'altra cosa. comunque il terrario è 65L X 35P X 33H (misure esterne e in questo momento i parametri sono: 28,5 zona fredda 30,5 zona calda (causa troppo caldo la zona fredda non si abbassa ulteriormente e la zona calda arriva a 31 poi il termostato stacca il tappetino riscaldante), umidità: 65% il pitoncino è un baby del 2010 che arriverà nella sua casetta giovedì 15, ora ho solo attaccato il terrario per vedere se mantiene i parametri.

              Commenta


              Sto operando...
              X