annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Mi piacerebbe un commento dai Veterinari

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Mi piacerebbe un commento dai Veterinari

    Riporto da Reuters di stamattina:
    CHICAGO, 6 ottobre (Reuters) - Rettili, scimmiette, piccoli roditori e atri animaletti esotici sono molto amati e sempre più "adottati" dalle famiglie ma forse non tutti sanno che la loro presenza non è consigliabile nelle abitazioni in cui vivono bambini piccoli o persone con problemi al sistema immunitario.
    E' quanto rivela una ricerca diffusa oggi.
    Se da un lato i pediatri sono ben consapevoli dei rischi legati a questo tipo di bestiole, soltanto il 5% dice di renderne partecipi anche genitori e bambini, in un atteggiamento che dovrebbe cambiare secondo quanto riferito dal dottor Larry Pickering della Emory University Medical School di Atlanta in una ricerca per l'American Academy of Pediatrics.
    "La maggior parte degli animali domestici 'non tradizionali' rappresenta una minaccia per la salute dei bambini, e la loro presenza in casa deve essere scoraggiata", hanno spiegato i ricercatori nello studio comparso sul numero di ottobre della rivista Pediatrics.
    Soltanto per fare un esempio, la maggior parte dei rettili è portatore dei batteri della salmonella e i problemi che potrebbero essere provocati da questi e altri animali esotici vanno dalle allergie alla diffusione di malattie infettive, secondo gli studiosi.
    Per esempio, nel 2003 un'epidemia di vaiolo delle scimmie -- il cosiddetto monkeypox -- ha colpito una ventina di persone negli Stati Uniti, ed è stata ricondotta all'importazione di topolini marsupiali provenienti dal Gambia.
    La ricerca dimostra che il numero di animali esotici negli Usa è aumentato del 75% dal 1992. Nel 2005 c'erano circa 88.000 mammiferi, 1,3 milioni di rettili, e 203 milioni di pesci importati illegalmente nel Paese.
    "Questo tipo di commercio illegale sovverte le regole stabilite dalle autorità per ridurre la diffusione di malattie...", precisano i ricercatori.
    Attualmente allevo:Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Xenosaurus platyceps, Platysaurus imperator, Tiliqua gigas gigas, Tiliqua gigas keyensis, Tiliqua Irian Jaya, Celestus warreni, Egernia frerei, Hemispheriodon gerrardii, Ctenosaura defensor, Lepidophyma flavimaculatum,Geoemyda spengleri
    Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
    un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

  • #2
    E' sempre la stessa vecchia storia....Invece di educare la gente insegnando come comportarsi e cosa fare quando un animale (esotico e non) condivide il suo ambiente vitale con dei bambini o delle persone anziane si sceglie di scoraggiarne la diffusione e lácquisto.
    Perche'? Perche' cosi' nessuno si deve prendere la responsabilita' delle proprie dichiarazioni: e'sempre molto piu' facile dire che una cosa e' pericolosa piutttosto che "imparare a gestirla"....
    Con questo non voglio dire che non siano pericolosi....ma voglio dire che qualsiasi animale/essere vivente puo' risultare nocivo se non tenuto con la consapevolezza di cosa si sta facendo/tenendo.

    La cosa buffa pero' e' che sono sempre di piu' le persone anziane che acquistano questo tipo di animali credendo che siano meno impegnativi ("non lo devo portare giu' per i bisogni!")

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da Maddy Visualizza il messaggio
      E' sempre la stessa vecchia storia....Invece di educare la gente insegnando come comportarsi e cosa fare quando un animale (esotico e non) condivide il suo ambiente vitale con dei bambini o delle persone anziane si sceglie di scoraggiarne la diffusione e lácquisto.
      Perche'? Perche' cosi' nessuno si deve prendere la responsabilita' delle proprie dichiarazioni: e'sempre molto piu' facile dire che una cosa e' pericolosa piutttosto che "imparare a gestirla"....
      Con questo non voglio dire che non siano pericolosi....ma voglio dire che qualsiasi animale/essere vivente puo' risultare nocivo se non tenuto con la consapevolezza di cosa si sta facendo/tenendo.
      E' proprio così. E la cosa che mi infastidisce di più è che chiedono consigli a noi e poi si fidano dei giornalisti, dei nonni, degli amici....


      Andrea

      Commenta


      • #4
        Io dormo con 30 animali e sono sana come un pesce!

        Commenta


        • #5
          marthina , si parla con persone con sistema immunitario depresso o quantomeno non al massimo.Io son convinta si debbano usare le solite precauzioni, sulla percentuale dei morsi.. beh non so che dire.. è totalmente diverso un criceto da un ciliatus, un igiana da un uormastice, da un canarino.

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da mharthinha Visualizza il messaggio
            ...e sono sana come un pesce!
            spero non sia vero....perche' guarda che i pesci tutto sono tranne che sani!

            Commenta


            • #7
              Intervengo solo ora perchè mi interessava molto il parere dei colleghi!
              Non posso che essere contento e d'accordo al 100% su quello già detto.
              Posso solo aggiungere che i rischi di zoonosi sono tanti e non escludono praticamente nessuna categoria.
              Importante è la prevenzione, ed è la linea principale che seguo con tutti i possessori di rettili o exotic vari.
              Le malattie trasmissibili sono diagnosticabili facilmente, alcune son addirittura curabili e cosa più importante, la stragrande maggioranza sono controllabbili attuando le più comune norme igienico sanitarie.
              Una piccola attenzione in più andrebbe rivolta ai WC, che potrebbero essere più esposti al rischio di patogeni non comuni e forse più "pericolosi". In questi casi, la prevenzione deve essere più oculata ed è d'obbligo rivolgersia ad un professionista PREPARATO.
              [SIZE=1]"Tutti gli ostacoli sono un'opportunità per migliorare la nostra condizione"[/SIZE]

              Commenta


              • #8
                mi pare un pò la storia della malattia " dei gatti", la toxoplasmosi...che poi se uno pulisce la lettiera tutti i gironi, e non fa cagare il gatto in dispensa e se la mangia dopo 5 giorni...
                mi pare molto più plausibile prenderla da carni poco cotte o verdure mal lavate,ma la percentuale esatta sarà difficile saperla...

                Commenta


                Sto operando...
                X